Violenza sulle donne, firmata protocollo per una rete di aiuto (AUDIO)

l documento è stato firmato dalla presidente della Marini, dai due prefetti di Perugia e Terni, Cannizzaro e De Biagi, e da i vertici e rappresentati dei Comuni capofila delle zone sociali

0
250
La firma del protocollo contro la violenza di genere

PERUGIA – Prende il via in Umbria un sistema regionale di contrasto alla violenza di genere per “agire più efficacemente in maniera preventiva, repressiva, educativa e assistenziale”. Nel Salone d’ Onore di palazzo Donini a Perugia, sede della Regione, 41 soggetti hanno firmato un protocollo unico per la realizzazione di una vasta rete antiviolenza.

Rete Il documento è stato firmato dalla presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, dai due prefetti di Perugia e TerniRaffaele Cannizzaro e Paolo De Biagi, e da i vertici e rappresentati dei Comuni capofila delle zone sociali, Anci Umbria, aziende sanitarie, centro per le pari opportunità, centri antiviolenza e case rifugio, garante dell’ infanzia, ufficio scolastico regionale, forze di polizia, procure, tribunali ordinari e per i minorenni, Ordine degli avvocati di Perugia, Terni e Spoleto. Obiettivo, costruire una rete regionale e un sistema dei servizi di contrasto alla violenza basata sul genere.

Liberamente Donna Un protocollo importante, quello firmato lunedì mattina, che permetterà a soggetti pubblici e privati di creare una rete per essere vicini alle vittime ma soprattutto un percorso di prevenzione, come spiegato ai microfoni di Umbria Radio da Elena Bistocchi, avvocato, vice presidente dell’associazione Liberamente Donna che gestisce i centri antiviolenza di Terni e Perugia. 

Violenza a Terni E la firma del protocollo contro la violenza di genere arriva all’indomani della notizia dell’ennesimo atto di violenza contro un donna. Domenica sera a Terni una donna è stata violentata nel parcheggio di piazzale Bosco a pochi passi dalla stazione ferroviaria. Sul caso indaga la squadra mobile di Terni che sta vagliando le riprese delle telecamere dei sistemi di videosorveglianza della zona per identificare l’aggressione. Il commento dell’avvocato Bistocchi.

The following two tabs change content below.