Rissa alle porte di Perugia, il questore Sbordone: “Violenza inaudita”

Tra i venti giovani coinvolti, quattro sono stati arrestati per resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali, di cui tre denunciati per rissa aggravata

0
133
Rissa di via del Serpente: il locale viene chiuso per due settimane. Linea dura con la conseguente chiusura del locale Zona Latina per 15 giorni
Una rissa fuori da un locale

PERUGIA – Una violenta rissa è scoppiata in un bar di Castel del Piano, alle porte di Perugia, ed ha coinvolto una ventina di giovani, tutti fuggiti all’arrivo della squadra volante della Questura, coadiuvata da una pattuglia dei carabinieri e dalla guardia di finanza.

Fermati quattro giovani Le forze dell’ordine sono arrivate a seguito della segnalazione di una lite in un bar, fra un gruppo di clienti. Subito dopo essere scappati, sono stati rintracciati quattro giovani italiani presenti alla rissa: tre uomini, di cui uno con precedenti di polizia per reati legati alla droga, lesioni ed un Daspo emesso dalla questura di Modena, e una donna – secondo una nota delle forze dell’ordine – tutti in stato di alterazione alcolica. Alla richiesta dei documenti – riferisce la Questura – i quattro si sono scagliati con violenza contro gli agenti. I tre uomini, due di 27 anni di e uno di 24 e la donna, di 29 anni, sono stati arrestati per resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali. Due dei tre uomini e la donna sono anche stati denunciati per rissa aggravata.

Violenza inaudita “Abbiamo visto scene di violenza inaudita – ha affermato il questore della provincia di Perugia, Antonio Sbordone – tra i giovani, e ce n’erano almeno 20 in quel momento, tutti senza mascherina, e poi nei confronti dei nostri agenti. C’è quindi il tema della movida e c’è il tema della violenza: saremo inflessibili. Qui ci vuole l’impegno di tutti, forze di polizia, istituzioni, associazioni di categoria ed anche famiglie. È quanto mai necessario fare gioco di squadra perché la posta in  gioco è troppo alta”. Sono in corso ulteriori indagini in merito alla rissa e all’applicazione delle sanzioni previste in materia Covid-19.