Verso Perugia – Trapani. Oddo: “Abbiamo due match point. Domani prova di pazienza”. Per Buonaiuto decisione all’ultimo

0
196

PERUGIA – Con il match point a disposizione il Perugia marcia verso la sfida di lunedì sera al Curi contro il Trapani. I risultati di venerdì scorso maturati sugli altri campi oltre che la vittoria di Chiavari hanno messo in condizione i Grifoni di essere a tre punti dalla matematica certezza di evitare i play off.

La situazione è dunque sensibilmente migliorata, viste le premesse della vigilia, anche se l’avversario di turno spera ancora visto che a suon di risultati è ancora vivo e vuole giocarsi la salvezza. I siciliani, terzi nella virtuale classifica delle ultime 10 gare, sono inoltre guidati  Castori, una garanzia di sofferenza per il Grifo.
Per questo Massimo Oddo non si fida e predica concentrazione massima e voglia di chiudere i conti con una giornata dalla fine.

Per la sfida di lunedì sera (diretta radiofonica su Umbriaradio dalle 20:50) il tecnico biancorosso spera di recuperare Buonaiuto, infortunatosi in Liguria nell’occasione del suo gol, per poter avere il gruppo al completo. Si va comunque verso la conferma della formazione vista contro l’Entella con eventualmente lo spostamento di Falzerano o Nicolussi Caviglia al fianco di Capone. Tutto questo sempre che il recupero fisico a soli 3 giorni dalla gara precedente sia soddisfacente, altrimenti via libera a qualche cambio.

Oddo ne ha parlato in conferenza stampa prima di dirigere l’allenamento di domenica pomeriggio.

“Ad oggi – esordisce il tecnico – dovremmo essere al completo, verifichiamo le condizioni nell’allenamento di stasera. Per Buonaiuto vedremo domani come starà e poi decideremo.

Riconfermarsi è sempre più difficile, domani ara sicuramente una partita complicata. Incontriamo una squadra che nelle ultime 12 ne ha persa solo una e non dobbiamo per questo pensare al Trapani di inizio stagione.

Anche in questo caso sceglierò 11 giocatori, quelli che mi danno più garanzie in merito alla gara che voglio fare. Non scelgo il modulo. Partiamo con una difesa a 4 e poi vedremo chi ci sarà per definire i movimenti che cambiano in base ai calciatori. Un conto se c’è Buonaiuto, un altro se c’è Melchiorri o Dragomir.

Con l’Entella abbiamo fatto salire a destra Mazzocchi che per me è un’arma offensiva. Come mezzala sinistra avevo bisogno di un giocatore che entrasse più in campo e tra tutti il migliore è Dragomir. A destra con Mazzocchi che spingeva volevo dare la possibilità a Buonaiuto di accentrarsi con Falzerano a coprire.

Non credo che il Trapani verrà a sbilanciarsi anche se sono all’ultima spiaggia. Le squadre di Castori hanno una precisa identità. Cercano di mantenere l’equilibrio, l’occupazione degli spazi e poi sfruttano le poche occasioni che hanno in ripartenza. Queste squadre di solito ti fanno innervosire, noi dobbiamo essere in grado di mantenere la calma e giocare con la testa.

Abbiamo 2 match point e dobbiamo provare a chiudere i conti subito. Non è una partita da vincere a tutti costi, semmai lo devono fare loro, bisogna provare a vincere ma c’è una bella differenza. Dobbiamo avere la voglia di vincere ed essere pronti a tutto, ma dobbiamo avere grande lettura dei momenti della partita ed avere pazienza. In base a ciò che succederà dobbiamo essere pronti alla contromossa.

Per me è incomprensibile avere dei cali di tensione. I giocatori forti giocano con la stessa mentalità sempre. Alcune volte c’è la paura di vincere, la poca lucidità e freschezza mentale ma questi non sono cali di tensione. Se noi dobbiamo pensare che i giocatori non si rendano conto dell’importanza della gara di domani allora non dobbiamo neanche scendere in campo. Sono certo che tutti giocheranno per la maglia, per i compagni e anche per se stessi”.