Verso Perugia – Hellas Verona. Nesta: “Mantenere atteggiamento ed entusiasmo. Chi entra deve crederci”.

0
208

PERUGIA – I 3 gol rifilati al Salernitana ed una prestazione che ha mostrato gioco e capacità tecniche alternate a grinta e cuore consegnano al campionato un Perugia più forte e consapevole dei proprio mezzi. nell’anticipo della ventottesima giornata (diretta su Umbriaradio inblu dalle 20:50), la seconda consecutiva in casa, arriva al “Curi” l’Hellas Verona dei tanti ex e allora l’obiettivo del tecnico Nesta diventa quello di non abbassare la guardia per non vanificare quanto di buono fatto nelle ultime gare.

“Mi aspetto di progredire ancora – esordisce il tecnico – e sicuramente di non cambiare in peggio. Quello che abbiamo fatto sabato si avvicina molto a quello che voglio da questa squadra: tenuta fisica, gioco e capacità di soffrire. Penso che in queste ultime settimane abbiamo fatto grandi progressi. Probabilmente faremo passi falsi ma non dobbiamo mai perdere l’atteggiamento tenuto contro la Salernitana”.

L’avversario, tra alti e bassi, punta dritto alla serie A: “Il Verona ha una rosa molto forte e competitiva anche se tutti hanno un punto debole. Hanno avuto un problema a mantenere la costanza dei risultati, ma ora stanno migliorando come noi. Abbiamo lo stesso tipo di gioco, palleggio e pochi lanci lunghi. Non penso che sarà una gara aperta come quella di sabato scorso. Probabilmente ci aspetteranno più bassi e copriranno in ampiezza il campo. Credo che sarà una partita equilibrata e probabilmente conterà la concentrazione e l’agonismo, ma soprattutto essere spietati quando capiterà l’occasione. Per Di Carmine non abbiamo preparato niente di particolare. Ci sono tanti modi per vincere, quello comunque è l’importante. Non sempre la partita permette di fare bel gioco”.

Tanti nuovi giocatori hanno trovato spazio in queste ultime apparizioni: “Il mercato è stato fatto per migliorare la squadra e ne abbiamo tratto sicuramente beneficio. L’abbondanza è importante per sopperire a squalifiche e infortuni e per sfruttare i momenti migliori di alcuni calciatori come poteva essere Sadiq. Chi entra deve avere la voglia e l’entusiasmo del gruppo e di far ricredere l’allenatore”.

Importante sarà anche l’apporto del pubblico: “Ho ringraziato i tifosi per questo mix che si è creato con noi. Ci siamo spinti a vicenda e così vorrei che fosse domani e fino alla fine della stagione”.

Quanto alle scelte, fortemente a rischio Rosi per un pestone contro i Campani, che potrebbe quindi lasciare la corsia destra a Mazzocchi e al rientro di Falasco a sinistra se non dovesse farcela nel provino di venerdì mattina. Per il resto non dovrebbero esserci grandi variazioni se si eccettua il ballottaggio tra Falzerano e Kingsley per una maglia a centrocampo e quello tra Han e Vido come vice Saqiq, squalificato. Bianco dovrebbe recuperare per la panchina dando il via libera ancora una volta a Carraro nel ruolo di regista.

La probabile formazione del Perugia (4-3-1-2): Gabriel; Mazzocchi, Gyomber, Sgarbi, Falasco; Falzerano, Carraro, Dragomir; Verre; Melchiorri, Vido

Qui Verona

Settimana di recuperi per Fabio Grosso che ritrova in Gruppo Danzi e Di Carmine insieme a Dawidowicz. In dubbio invece Di Gaudio ancora alle prese con un problema alla caviglia dopo un colpo rimediato nella gara contro il Venezia dove ha siglato il gol vittoria. Ancora out i 2 esterni Crescenzi e Vitale, insieme a Marronee, Zaccagni, Ragusa, Mathos e Munari.

La possibile formazione del Verona (4-3-3): Silvestri; Faraoni, Bianchetti, Empereur, Balkovec; Gustafson, Colombatto, Laribi; Lee, Di Carmine, Di Gaudio