Terni, dopo il rimpasto Latini convoca una riunione di maggioranza. Fiorini sospende l’occupazione di palazzo Spada

Continuano le polemiche all'interno della maggioranza ternana. Il sindaco chiede coesione "in vista degli appuntamenti del prossimo autunno"

0
71
Il sindaco di Terni Leonardo Latini

TERNI – La prossima settimana il sindaco di Terni, Leonardo Latini, chiederà una riunione di maggioranza, alla quale saranno invitati a partecipare tutti i gruppi e i consiglieri che sostengono l’attuale amministrazione. Lo annuncia lui stesso in una nota, in cui spiega che “l’obiettivo è di rilanciare insieme l’azione politico-amministrativa, raccogliendo indirizzi, stimoli, suggerimenti dalla maggioranza che fin qui ci ha sostenuto”. La riunione verrà convocata dopo le polemiche nate all’interno della stessa maggioranza a seguito del rimpasto di Giunta deciso dal sindaco. Polemiche sulla scorta delle quali il consigliere comunale del gruppo misto, Emanuele Fiorini, ha occupato l’aula del consiglio comunale, sospendendola solo oggi. Nella nota il sindaco ringrazia la maggioranza “per l’apporto che ci ha fornito in moltissime circostanze, da ultimo nella complessa vicenda dell’approvazione degli atti programmatori riguardanti il bilancio”. “Proprio da quella coesione e da quel sostegno – conclude – siamo pronti a ripartire per tutte le incombenze, gli impegni e i progetti che ci attendono per questo scorcio d’estate e per il prossimo autunno”.

Fiorini sospende l’occupazione Terminata così oggi l’occupazione di palazzo Spada da parte del consigliere comunale del gruppo misto, Emanuele Fiorini: lo comunica lui stesso dopo avere appreso che il sindaco Leonardo Latini convocherà una riunione di maggioranza. “Ci sono voluti tre giorni e due notti di occupazione del consiglio comunale – sostiene Fiorini -, ma alla fine il sindaco ha aderito alla mia richiesta. Finalmente potremo confrontarci sulle scelte fatte e sulle scelte future per il bene della città, perché questa non è una battaglia fine a se stessa”. Il consigliere ringrazia “tutti i cittadini che in questi giorni vicini con tante attestazioni di solidarietà, il corpo della polizia locale, soprattutto gli agenti che con abnegazione hanno vigilato sulla presenza in consiglio comunale”. La decisione di occupare l’aula del consiglio di palazzo Spada era stata presa da Fiorini in segno di protesta contro il rimpasto di Giunta deciso dal sindaco.

The following two tabs change content below.