A Spoleto e Perugia ‘La botta grossa. Storie da dentro il terremoto’

Il film documentario di Sandro Baldoni che racconta cosa è accaduto dopo il sisma del 30 ottobre dello scorso anno, il 22 e il 23 novembre, alla Sala Pegasus e al Cinema PostModernissimo

0
661
Un'immagine de 'La botta grossa' il film documentario del regista Sandro Baldoni

La botta grossa. Storie da dentro il terremoto, il film documentario del regista Sandro Baldoni che racconta cosa è accaduto dopo il terremoto del 30 ottobre 2016 che ha colpito il Centro Italia, arriva nei cinema dell’Umbria. Uscito nelle sale italiane questa settimana, viene presentato dal suo stesso autore in due diversi appuntamenti mercoledì 22 e giovedì 23 novembre alle 21.30, rispettivamente alla Sala Pegasus di Spoleto e al Cinema PostModernissimo di Perugia.

Un progetto, pensato e diretto da chi proprio nella scossa di quella mattina, ha perso la propria casa; realizzato col sapore inaspettato e urgente delle cose reali che accadono, della vita normale in situazioni straordinarie, cinema del reale che sogna di tornare alla realtà. Originario della frazione di Campi di Norcia, Sandro Baldoni, autore di un esordio folgorante come Strane Storie, ne La botta grossa, racconta di un sisma che non ha fatto vittime, ma sfollato 40.000 abitanti, buttato giù case e paesi, con la forza della scossa più forte in Italia degli ultimi quarant’ anni. La botta grossa, come l’hanno chiamata in Umbria e nelle Marche.

“In questo mio ultimo lavoro, ho voluto indagare cosa succede all’anima delle persone che vivono un’esperienza forte come quella del terremoto -spiega lo stesso Baldoni– perciò la prima parte, è interamente dedicata a Campi e racconta l’esperienza della gestione in autonomia, nei momenti immediatamente successivi alla scossa. Nella seconda, il racconto si sposta nelle Marche e in tutti quei paesi, come Visso e Ussita, che si sono svuotati perché le persone sono state portate negli alberghi. La terza parte, è invece dedicata alla storia di un eremita che vive tra Norcia e Castelluccio“.

La botta grossa, è un road-movie tra strade dissestate, tra villeggiature forzate al mare, scuole improvvisate, palestre divenute studi di psicologo, alternanze tra mondo web e racconti di anziani. Un viaggio da dentro l’esperienza del terremoto, per cogliere le paure profonde, i traumi, le ansie, le rabbie, le speranze delle persone colpite. Ne La botta grossa si piange, e si ride. E si ricostruisce un’umanità sostenibile. Un film documentario che parla di alcune persone in alcuni luoghi. E a tutti i cittadini di tutta Italia.

 

 

The following two tabs change content below.