Sisma, prosegue lo svuotamento della Basilica di Norcia

Il 9 agosto termina il secondo stralcio e si punta a proseguire senza interrompere il cantiere

0
100
La basilica di Norcia

NORCIA – Il secondo stralcio per la messa in sicurezza interna e svuotamento delle macerie dalla Basilica di San Benedetto a Norcia terminerà il prossimo 9 agosto. A dirlo è la soprintendente alle Belle arti dell’Umbria, Marica Mercalli, che si augura che ci sia “la possibilità di non fermare neppure per un giorno il cantiere e quindi procedere direttamente al terzo stralcio così da completare la rimozione dei detriti, per poi dare avvio alla fase della ricostruzione”. In tal senso è già fissato un incontro, per l’8 agosto, con Paolo Iannelli, soprintendente speciale per le aree colpite dal sisma. Intanto Mercalli ha voluto evidenziare che durante queste ultime settimane di intervento  “abbiamo già disintegrato due grandi blocchi che erano venuti giù dal campanile. Ma adesso – ha detto ancora – è fondamentale arrivare alla cripta per capire il reale danno causato dal sisma in questa zona della chiesa, visto che lì abbiamo già avuto modo di appurare che si è verificato uno sfondamento”. Nell’opera di rimozione delle macerie la soprintendete ha evidenziato l’importanza dell’azione legata alla Vus-Valle umbra servizi,la società incaricata dello smaltimento dalla Regione Umbria: “Mi auguro – ha concluso – che il servizio possa essere quanto prima ripreso, dopo mesi di inattività dovuti alla convenzione scaduta tra la Regione e la stessa Vus”.