Sisma, Federalberghi Umbria chiede agevolazioni fiscali

Per le imprese che hanno subito danni con il sisma

0
97
Il presidente di Federalberghi Umbria, Vincenzo Bianconi

NORCIA – Agevolazioni fiscali e contributive per le imprese e i titolari di reddito autonomo che hanno subito una riduzione del reddito almeno pari al 25% da attivare anche nel periodo 1 novembre 2016-28 febbraio 2017, sostegno al reddito delle imprese ancora ferme per i danni del sisma per il biennio 2017-2018, le aziende ubicate nei comuni
del cratere siano esentate dal pagamento delle imposte comunali almeno per un triennio: sono alcuni dei punti contenuti nel documento redatto dai presidenti regionali di Federalberghi di Umbria, Lazio, Marche e Abruzzo. E’ stato “consegnato alla commissaria straordinaria alla ricostruzione, Paola De Micheli, nel corso nel nostro recente incontro”, ha annunciato all’Ansa Vincenzo Bianconi, numero uno dell’ associazione di categoria umbro e imprenditore del settore turistico di Norcia.

Imposta “Tra le altre proposte che abbiamo avanzato – ha detto Bianconi – c’ è anche quella che riguarda l’ imposta sul valore aggiunto che, considerando la sospensione o la riduzione delle attività, si riduce o si azzera quella incassata e quindi chiediamo che le imprese vengano autorizzate a non versare l’ imposta relativa ai suddetti interventi, che genererebbe automaticamente un importante credito Iva, recuperabile in tempi lunghi, non compatibili con lo stato di difficoltà in cui versano. In subordine chiediamo di assicurare il rilascio in tempi certi da parte dell’ Agenzia delle entrate del documento attestante il credito Iva su cui prevedere l’ anticipazione a interessi zero del credito da parte degli istituti bancari”. Nel documento consegnato a De Micheli non mancano riferimenti ai danni indiretti procurati dal terremoto, le agevolazioni per le aree di crisi e gli aiuti in deroga.