Sagra Musicale Umbra. Anteprima a Trevi e a San Gemini

Il Duo Giacomo Cardarelli al violoncello e Margherita Santi al pianoforte, e il Trio di Parma con ospite Simonide Braconi alla viola, protagonisti dei due concerti in attesa dell'inaugurazione del 13 settembre

0
121
Il Trio di Parma, protagonista a San Gemini dell'anteprima della 74esima Sagra Musicale Umbra

TREVI- Doppia anteprima il 7 e l’8 settembre, rispetivamente a Trevi e a San Gemini, per la 74sima edizione della Sagra Musicale Umbra. Il più antico festival della regione, dedicato quest’anno al tema …e tu, uomo? La musica dal profondo, in programma a Perugia e in altri sette comuni della regione (Assisi, Montefalco, Norcia, Panicale, San Gemini, Torgiano, Trevi), presenta in questo fine settimana due concerti che anticipano l’inagurazione vera e propria prevista per il prossimo 13 settembre ad Assisi.

Il primo, previsto questo sabato al Teatro Clitunno di Trevi, alle ore 18, vedrà protagonisti il violoncello di Giacomo Cardelli e il pianoforte di Margherita Santi, con un programma dedicato a Johannes Brahms (Sonata n. 1 in mi minore op. 38); Robert Schumann (Phantasiestücke op. 73); Dmitri Shostakovich (Sonata in re minore op. 40). Il secondo, domenica, all’Abbazia di San Nicolò di San Gemini, con Trio di Parma (Ivan Rabaglia al violino, Enrico Bronzi al violoncello, Alberto Miodini al pianoforte) con ospite Simonide Braconi alla viola, e Dal Danubio allo Shannon: tre secoli di popolaresco nella musica da camera; un percorso attraverso grandi autori del passato e del presente (Franz Joseph Haydn; Frank Martin; Witold Lutosławski e Johannes Brahms), influenzati in alcuni loro lavori dal folklore.

Due appuntamenti, come dicevamo, in attesa dell’inaugurazione della 74sima edizione della Sagra Musicale Umbra in programma ad Assisi venerdì 13 settembre nel Sagrato della Basilica Superiore di San Francesco, con l’Orchestra da Camera di Perugia, diretta da Enrico Bronzi, e la Compagnia di Nicola Galli, una delle realtà più promettenti della danza contemporanea. In programma, anche la Suite dal balletto Nobilissima Visione di Paul Hindemith nella versione per piccola orchestra. Una produzione originale, a settant’anni esatti dalla prima italiana al Maggio Musicale Fiorentino, che si lega perfettamente al tema della Sagra di quest’anno, ovvero il rapporto ancestrale dell’umanità con la musica.

 

The following two tabs change content below.