Ricostruzione, la ricetta Tesei: “Questo schema è bloccato, serve una gestione diversa”

Sulla questione alleanze, con il possibile ingresso del movimento di Giovanni Toti, "si deciderà a livello nazionale"

0
81
Donatella Tesei e Matteo Salvini a Perugia

PERUGIA – Cambiare il modello di ricostruzione post terremoto sarà uno dei primi obiettivi che si porrà, se eletta, la senatrice Donatella Tesei candidata delcentro destra alla presidenza della Regione Umbria. Che ha parlato di uno schema che “non funzionale, è bloccato”. Per Tesei “è necessario riappropriarsi del territorio per velocizzare la ricostruzione” nelle aree colpite dal sisma del 2016. “Serve un modello di gestione diverso” ha aggiunto la candidata presidente. Rilevando che ad esempio “quello del 1997 ha funzionato”. Più in generale secondo Tesei “è necessario ripensare l’ economia regionale”. “Non abbiamo la bacchetta magica – ha detto – ma serve semplificare e sburocratizzare la pubblica amministrazione regionale per dare alle imprese tempi certi e
veloci”. Sulla questione alleanze e candidature, Tesei ha sottolineato: “stiamo lavorando intensamente”. “L’ ingresso nella coalizione del movimento di Giovanni Toti? – ha concluso – Si deciderà a livello nazionale”.

La risposta di Paparelli “Toh, la senatrice Donatella Tesei, fresca di candidatura alla presidenza della Regione, si è accorta che esiste il tema della ricostruzione post sisma. Peccato che per oltre 14 mesi la Lega si sia totalmente disinteressata a questa problematica, salvo qualche strumentale e sporadica apparizione di esponenti leghisti nelle aree della Valnerina, in occasione di consultazioni elettorali”. È quanto afferma il presidente della Regione Umbria, Fabio Paparelli, replicando ad alcune affermazioni rilasciate dalla senatrice Tesei, riguardo alla necessità di modificare il “modello di ricostruzione”. “Ma c’è di più – prosegue Paparelli – proprio il Governo a ‘trazione leghista’ ha bocciato in sede parlamentare tutte le proposte che pure Regioni e Comuni, con posizione condivisa ed unanime, avevano richiesto al fine di migliore tale ‘modello: più personale, meno burocrazia e maggior coinvolgimento dei professionisti. E proprio i parlamentari della Lega non hanno mai partecipato alle riunioni per ascoltare e portare avanti le proposte unanimemente avanzate dagli amministratori locali di destra e sinistra. La senatrice Tesei, dunque, eviti di fare facile propaganda o lanciare vuoti slogan, e faccia proposte concrete”.

The following two tabs change content below.