Ricostruzione, polemica su Bianconi: “Sei milioni di fondi pubblici per ristrutturare i suoi alberghi”

Dalle pagine del quotidiano l'accusa al candidato sostenuto da Pd e M5S. Lui replica: "Fango e calunnie contro di me"

0
150
Vincenzo Bianconi

PERUGIA – Quasi sei milioni per gli hotel da ristrutturare e due milioni e mezzo per gare e affidamenti nei servizi mensa dei moduli abitativi è quanto attinge dai fondi pubblici per la ricostruzione post sisma di Norcia la famiglia Bianconi della quale fa parte Vincenzo, candidato per Pd e M5s alla presidenza della Regione Umbria. Lo scrive oggi il Corriere dell’Umbria riportando la risposta che il sindaco Nicola Alemanno, FI, ha dato a una interrogazione in Consiglio di un gruppo di opposizione che chiedeva conto della situazione relativa alla ricostruzione delle strutture alberghiere. Articolo al quale ha replicato l’imprenditore. “È vergognoso usare il dramma del terremoto per fare compagna elettorale” ha affermato. Secondo il quotidiano “su 27 attività ricettive rimaste in piedi a Norcia dopo il sisma del 2016 (prima erano 69), solo tre hotel hanno chiesto e ottenuto i permessi”. Di questi – prosegue l’articolo – “gli unici due che al 30 settembre hanno in tasca pure i decreti dell’ufficio speciale, con i fondi in denaro definiti, sono dei Bianconi”. Per il terzo albergo – ha spiegato Alemanno – il decreto è in via di definizione. Ad oggi non ci sono altre pratiche per alberghi nel comune di Norcia”.

La replica Fonti dell’amministrazione nursina hanno oggi riferito che le pratiche “hanno seguito il normale iter”. “Evidentemente la mia candidatura deve proprio terrorizzare qualcuno – ha affermato Bianconi in una nota -, visto il fango e le calunnie che mi arrivano addosso. Tra l’altro oggi mi si accusa di un ‘crimine’ terribile: aver cercato di non mettere in mezzo alla strada oltre 90 famiglie di lavoratori collegati alla nostra azienda da sempre una delle colonne dell’economia della Valnerina”. “Tra un’iniziativa e l’altra – ha aggiunto – oggi incontrerò la stampa per rispondere a queste volgari diffamazioni”.

The following two tabs change content below.