Terni, poltroncine ed interni per aeromobili: joint venture italo-cinese

Un investimento iniziale di dieci milioni di euro e 120 persone da occupare in quattro anni nella città dell'acciaio

0
300
Foto Ansa

TERNI – Lavoro e investimento. Ha l’obiettivo di realizzare a Terni un sito produttivo di poltroncine ed interni per aeromobili, la joint venture firmata mercoledì a Roma e presentata giovedì a palazzo Carrara, nella città dell’acciaio, tra la società ternana AeroSeatek Italia e il fondo cinese Tianjin Giant Aviation Investment.

Investimento L’accordo getta le basi di un progetto che vedrà un investimento iniziale di 10 milioni di euro per l’avviamento dello stabilimento che si occuperà dell’ingegneria, del disegno e dell’assemblaggio delle componenti dei sedili. “Puntiamo a produrre i primi sedili tra un anno e mezzo o due, a regime verranno impiegate 120 persone in quattro anni, tutte di alta fascia” ha spiegato il ceo di AeroSeatek, Gianluca Bellavigna. “Già da qualche anno – ha aggiunto Bellavigna – stiamo cercando di portare a Terni un progetto dalle grandi potenzialità come questo. Un’operazione che si innesta all’interno del progetto della ‘ Via della Seta’”. Per il sindaco Leonardo Latini “il progetto ha tutte le potenzialità per diventare elemento di occupazione, ma anche fiore all’occhiello per l’innovazione”. “Ciò testimonia – ha concluso – che l’ imprenditoria a Terni è importante. Non è vero che la nostra è un’area abbandonata a sé stessa”.