Perugia – Pordenone 1-2. Grifo sfortunato e affondato dalle decisioni arbitrali

0
271

PERUGIA – Inedita sfida quella della trentaduesima giornata che vede il Perugia opposto ai neroverdi di Tesser, Mai prima d’ora le due formazioni si erano scontrate in campionato, se si esclude la gara dell’andata. Ancora un avversario lanciato nelle zone alte della classifica per i Grifoni che vogliono riscattare l’indigesta sconfitta del “Tombolato di Cittadella”. Cosmi recupera Carraro e Dragomir, ma perde Angella mentre rimangono ai box Di Chiara, Gyomber, Falasco, e Falcinelli oltre a Vicario.
il tecnico ponteggiano conferma il 3-5-2 schierando proprio il rumeno Dragomir come quinto a sinistra e riportando a destra Mazzocchi. Difesa obbligata con Rosi, Sgarbi e Rajkovic davanti a Fulignati, mentre a centrocampo Carraro si riprende il posto affiancato da Falzerano e Nicolussi Caviglia. In attacco fuori Iemmello per Buonaiuto che ha un’altra opportunità da titolare al fianco di Melchiorri.
Tesser, reduce dalla vittoria casalinga con l’Entella, deve rinunciare a Camporse squalificato e al trio Strizzolo, Gavazzi, Gasbarro infortunati. L’ex rossoverde Tremolada fa il trequartista per supportare la coppia di attaccanti Ciurria-Candellaro.
I riflettori dello stadio “Curi” e una leggera pioggia rinfrescante nel pre partita accolgono le due squadre in campo. Piove sul bagnato per il Perugia che la 2′ minuto si perde Pobega a sinistra, pallone dentro l’area e cross sul secondo palo dove Mazzocco insacca indisturbato. Il Grifo vacilla ma ha un sussulto d’orgoglio con Nicolussi Caviglia che avvia l’azione con un sombrero, l’apertura a destra trova Falzerano che si accentra e dal limite calibra un sinistro che si insacca sotto l’incrocio.
Il gol raddoppia le forze ai Grifoni che al 12′ reclamano per una trattenuta su Buonaiuto in area dopo un tacco smarcante, ma Camplone di Pescara lascia correre. il Grifo attacca e al 22′ Melchiorri si alza di testa in area su cross dalla destra, ma la girata è di poco larga. al 25′ è la volta di Buonaiuto a tentare il destro dal limite ma la mira è sbagliata.
L’occasione migliore arriva però al 33′ con l’inserimento di Nicolussi Caviglia in area e con il destro a botta sicura che fa tremare la traversa. I biancorossi sembrano padroni del campo ma al 38′ Ciurria gira al volo un cross dalla sinistra trovando l’angolino basso, riportando in vantaggio i “ramarri”. Il Perugia subisce il contraccolpo, non riesce a reagire e va negli spogliatoi sotto anche se immeritatamente.

Si riparte con il Perugia che ha subito una clamorosa occasione con Carraro che, emulo di Ciurria, gira allo stesso modo di sinistro al volo, ma anche stavolta la conclusione si stampa sul palo. Un minuto dopo ed è Mazzocchi a provarci dal limite, trovando il muro difensivo a centro area a ribattere.
E’ un monologo biancorosso con l’ennesima occasione al 18′ per Buonaiuto che, defilato, calcia sull’esterno della rete al 18′. Cosmi inserisce Iemmello per lo stesso Buonaiuto e proprio il numero 9 biancorosso al 24′ ha una buona occasione su sponda di Melchiorri, ma si fa rimontare e fermare in angolo.
Il Grifo attacca ma non trova la porta con la stanchezza che avanza insieme alla frustrazione.
Nel finale il pessimo arbitro Camplone caccia via dal campo per proteste Falzerano, dopo aver invertito clamorosamente un fallo a metà campo. Il Grifo con la forza della disperazione si getta in avanti ma non ha più opportunità per raddrizzare la partita. Nell’ultimo minuto di recupero Rajkovic va a terra in area ma anche stavolta nessun fischio di Camplone. Termina la gara con gli ospiti che portano a casa il regalo di Natale e il Perugia che ora deve guardarsi le spalle avendo la zona play out a soli 4 punti di distanza.

IL TABELLINO

Perugia (3-5-2): Fulignati; Rosi (88’ Benzar), Sgarbi, Rajkovic; Mazzocchi, Falzerano, Carraro, Nicolussi Caviglia, Dragomir; Melchiorri, Buonaiuto (64’ Iemmello)

Pordenone (4-3-1-2): Di Gregorio (59’ Bindi); Vogliacco, Barison, Bassoli, De Agostini; Mazzocco, Burrai, Pobega; Tremolada (69’ Zammarini) Candellone (70’ Bocalon) Ciurria

Reti: 1’ Mazzocco; 6’ Falzerano; 38’ Ciurria

Ammoniti: 19’ Vogliacco; 36’ Sgarbi; 50’ Bassoli; 66’ Rajkovic; 67’ Candellone; 75’ Melchiorri; 76’ Carraro;

Espulsi: 80’ Falzerano