Perugia, in sicurezza la bambina ustionata da un incendio scoppiato in casa

La piccola si trovava sul divano con la nonna, anche lei rimasta ustionata gravemente ma fuori pericolo

0
231
Un intervento dei Vigili del fuoco

PERUGIA – Tragedia sfiorata nella tarda serata di lunedì in un appartamento della periferia di Perugia dove una bambina di cinque anni e la nonna sono rimaste gravemente ustionate da un incendio, con uno scoppio, partito da una stufa a legna. Cosa sia accaduto esattamente nella casa è ancora al vaglio del Niat, la squadra specializzata dei vigili del fuoco negli accertamenti sulle cause degli inneschi, e dei carabinieri della compagnia del capoluogo umbro. Sembra comunque che il rogo e lo scoppio possano essere stati provocati da un liquido infiammabile messo nella stufa. Probabilmente per accenderla, anche se non viene completamente esclusa la possibilità di una caduta accidentale. Stando comunque alla ricostruzione più accreditata sembra proprio sia stato un tentativo di accendere la stufa a legna a provocare il rogo. In particolare per i vapori che si sarebbero creati con il liquido infiammabile. I vigili del fuoco, in vista dell’arrivo del periodo più freddo dell’anno hanno quindi raccomandato di fare la massima attenzione a ricorrere a questo tipo di espedienti per accendere stufe e camini. I gas generati prima della combustione possono creare infatti delle miscele che scoppiano nel momento in cui si cerca di accendere il fuoco. Nel caso avvenuto a Perugia la bambina e la nonna si trovavano sul divano della casa dove vive una famigli di origine straniere, nella zona tra San Marco e Ponte d’Oddi. Un appartamento al terzo piano di una palazzina dove si trovavano anche il padre della piccola rimasta ustionata e un altro figlio, rimasti illesi. Dopo lo scoppio sono subito intervenute due squadre dei vigili del fuoco con un’autoscala, spegnendo rapidamente l’incendio e mettendo la situazione sotto controllo. Sul posto sono intervenute anche le ambulanze del 118. La bambina e la nonna sono state così rapidamente trasportate all’ospedale di Perugia. La piccola – si è appreso dall’ospedale – ha riportato ustioni di secondo e terzo grado in varie parti del corpo. È stata quindi messa in sicurezza al pronto soccorso del Santa Maria della Misericordia e poi trasferita in ambulanza al policlinico Gemelli di Roma dove è stata ricoverata in rianimazione. Stesso reparto, ma dell’ospedale di Perugia, dove si trova la nonna di 54 anni. Nel corso della mattinata la donna è stata comunque dichiarata fuori pericolo.