Perugia, festa grande per i 100 anni dell’Istituto Don Bosco

Il vescovo ausiliare mons. Marco Salvi: "La presenza salesiana è parte integrante del 'villaggio educativo' della nostra città".

0
145

PERUGIA – «Valorizzare i cento anni dell’Istituto Don Bosco di Perugia significa riscoprire anche per la nostra Chiesa il senso della parola “educare”». Così il vescovo ausiliare mons. Marco Salvi intervenendo alla conferenza stampa di presentazione del centenario della presenza salesiana nel capoluogo umbro (1922-2022) tenutasi il 30 gennaio, nella Sala San Francesco dell’Arcivescovado di Perugia; occasione per annunciare alcuni dei principali eventi in preparazione e programmati a partire dal 2020. Il primo, presentato dal direttore dell’Istituto salesiano don Giorgio Colajacomo, è la “Festa di Don Bosco”, in calendario domenica 2 febbraio, dalle ore 10, a cui sono stati invitati il cardinale arcivescovo Gualtiero Bassetti, la presidente della Regione Umbria Donatella Tesei, il sindaco di Perugia Andrea Romizi, il prorettore dell’Università degli Studi Fausto Elisei e la prorettrice dell’Università per stranieri Dianella Gambini. «Sono stati invitati a confrontarsi – ha spiegato don Colajacomo – sulla linea tracciata dal Santo: “Buoni cristiani e onesti cittadini”, che quest’anno il nostro rettor maggiore ha ripreso per la cosiddetta “strenna” con la quale Don Bosco ogni anno inviava un messaggio alla famiglia salesiana».

Mons. Salvi, soffermandosi sul ruolo dei Salesiani nell’educazione-formazione, ha ricordato che «nella enciclica Populorum progressio la Chiesa veniva definita “esperta in umanità”, con la missione di indicare dei percorsi educativi adeguati anche alle sfide attuali e questa sua visione è al servizio della realizzazione della piena umanità. C’è un documento conciliare che corrisponde molto alla “missione salesiana”, che è la Gravissimum educationis. Ci parla dello sviluppo armonico delle capacità fisiche, morali e intellettuali finalizzati alla graduale maturazione del senso di responsabilità, che è la conquista di una vera libertà. In questo contesto, la formazione della persona risponde ad esigenze quali l’umanizzazione dell’educazione nel mettere la persona al centro dell’educazione stessa in un quadro di relazioni che costituiscono una comunità viva, interdipendente e legata ad un destino comune. In questo modo si qualifica l’azione salesiana, quella di un umanesimo solidale, dove il compito non si esaurisce ad elargire un servizio formativo, ma si occupa di un processo educativo integrale sulla persona. Non si chiede di vivere una specificità, ma la costruzione umana nella sua interezza. Per questo è molto importante che la presenza salesiana a Perugia e in Umbria possa continuare, perché, come dice il Papa, un cambiamento della società è possibile solo attraverso la costituzione di un “villaggio educativo” con il coinvolgimento di tutte le sue componenti. E la presenza salesiana è parte integrante di questo villaggio che educa alla crescita globale dell’uomo. Il terreno su cui va realizzato il villaggio deve essere innanzitutto bonificato dalle discriminazioni con l’immissione di fraternità come elemento costitutivo dell’educazione».

Nel presentare gli eventi in preparazione al centenario, il direttore don Colajacomo ha detto che «il centenario non vuole essere una rievocazione nostalgica del passato, perché la presenza salesiana non si esaurisce nei suoi primi cento anni, ma “ci aspettano tempi belli” come scrisse il rettor maggiore nella pubblicazione del 90° di presenza salesiana a Perugia. Don Bosco ci ha insegnato a guardare al futuro, a questa sfida educativa grande con occhi positivi e con ottimismo. Per questo abbiamo intitolato il centenario: “Cento anni di futuro”, perché la tradizione non è la custodia delle ceneri, ma è la garanzia del futuro. Non a caso la celebrazione sarà una serie di iniziative collocate nelle tre aree dell’impegno attuale del Don Bosco: formazione professionale; ambito universitario; sport e tempo libero. Iniziative concrete, determinate che cercheranno di far progredire l’impegno dei Salesiani in questi campi per contribuire ad educare e a formare giovani chiamati un domani a costruire il bene comune».

«Siamo in un’epoca di cambiamento e rinnovamento – ha commentato il direttore don Colajacomo – soprattutto per i giovani che si preparano al lavoro, nell’acquisire una qualifica professionale anche grazie al prossimo varo di una legge regionale, che auspichiamo avvenga quanto prima. Una legge per ripristinare i percorsi triennali, a partire dai quattordicenni, in vista della qualifica professionale, con un quarto anno per il conseguimento del diploma e la possibilità di compiere il percorso scolastico e di accedere a quello universitario». Al riguardo don Colajacomo ha annunciato un evento importante, programmato il prossimo 23 aprile a Perugia, quello dell’Assemblea nazionale della formazione professionale CNOS-FAP con il coinvolgimento anche degli organismi Ue preposti in materia. Diverse le iniziative in preparazione al centenario che vedranno un’opera caritativo-sociale, uno studio sull’influenza salesiana nella società perugina e la riproposizione della storica processione di Maria Ausiliatrice, la «Maestra di Don Bosco», il 24 maggio 2023, in ricordo della prima processione per le vie della città organizzata dai Salesiani l’anno seguente al loro arrivo.

Sull’influenza salesiana a Perugia anche i numeri hanno la loro importanza. Basti pensare che dal 1922 ad oggi circa 30.000 giovani sono cresciuti e maturati nel vivere l’esperienza delle Opere salesiane, dalle scuole media e licei classico, scientifico e linguistico al Centro di formazione professionale, dal convitto per studenti di scuola media e superiore all’attuale per universitari, fino alle attività oratoriali e sportive, a cui va aggiunto tutto l’indotto (educatori, insegnanti, famiglie…). Numeri che testimoniano quanto ha inciso anche nel tessuto sociale l’opera educativa e formativa offerta in un secolo dal Don Bosco, contribuendo non poco al bene comune.