Perugia – Cittadella 0-2. Grifo mai in partita. Gli ospiti colpiscono e controllano senza problemi

0
166

PERUGIA – Dopo l’impresa di Crotone il Perugia cerca continuità al “Curi” contro l’ostico Cittadella di Venturato, tentando quel “salto di qualità” tanto cercato in queste ultime stagioni. I veneti, dopo un inizio non brillantissimo hanno macinato punti riprendendo il solito cammino di queste ultime stagioni e riaffacciandosi in zona play-off.
Oddo conferma assetto e formazione vincente in Calabria con soltanto un paio di cambi.
Davanti a Vicario la difesa è a tre con Rosi, Gyomber e Falasco. Falzerano va a destra al posto di Mazzocchi mentre a sinistra è confermato Di Chiara, così come la coppia Balic-Varraro al centro. Maglia da titolare per la seconda volta consecutiva anche per Nicolussi Cavoglia sulla trequarti, con in attacco Falcinelli che torna tra gli undici per affiancare Iemmello.
Venturato conferma il solito 4-3-1-2 ma apporta qualche modifica negli interpreti, relegando capitan Iori in panchina per Pavan e schierando in attacco, davanti a Diaw, Rosafio al posto di Luppi.

l’inizio è shock per il Perugia che dopo aver provato ad impnsierire paleari con un tiro cross di Falzerano subisce l’1 a 0 per opera di D’Urso che dopo una rimessa contesa dai Grifoni ha la palla buona al limite e trafigge Vicario con un aparabola sotto l’incrocio. I biancorossi sbandano e rischiano grosso al 18′ quando Diaw devia di destro un cross dalla destra e costringe Vicario al miracolo.
Il Perugia subisce il pressing costante dei veneti e non riesce quasi mai ad impensierire Paleari. Ci si mette anche l’arbitro Maggioni con una direzione di gara oltremodo imprecisa che aiuta la gara del Cittadella impostata su pressing e agonismo. In pieno recupero arriva anche la mazzata per i Grifoni che subiscono il raddoppio di Diaw, bravo ad inserirsi a centro area e a concludere di destro in spaccata da pochi passi, eludendo l’intervento disperato di Vicario.

Avvio di ripresa con il Perugia che prova a metterci più grinta e determinazione ma non trova mai la conclusione, anzi sono gli ospiti a rendersi spesso pericolosi in contropiede con il funambolo D’Urso, autentica spina nel finaco della difesa biancorossa. Al 19′ arriva la prima occasione per i Grifoni con Iemmello che schiaccia di testa un cross di Di Chiara ma Paleari è superlativo e smanaccia la palla fuori dalla porta. Risponde il Cittadella con il solito D’Urso che coglie una clamorosa traversa di destro da pochi metri.
Il grifo non riesce ad offendere e sbatte costantemente sul muro degli orpiti. Neanche i cambi di Oddo sortiscono l’effetto sperato e per il Perugia arriva la prima sconfitta casalinga e la terza in campionato. L’appuntamento con il salto di qualità è rimandato.

IL TABELLINO

Perugia (3-5-2): Vicario; Rosi, Gyomber, Falasco; Falzerano (62’ Fernandes), Carraro (58’ Buonaiuto) Balic, Nicolussi Caviglia, Di Chiara; Iemmello (72’ Capone), Falcinelli

Cittadella (4-3-1-2): Paleari; Ghiringhelli, Adorni, Perticone (45’ Frare) Benedetti; Vita, Pavan, Branca; D’Urso (68’ Luppi) Diaw, Rosafio(62’ De Marchi)

Ammoniti: 11’ Falasco; 17 Diaw ; 82’ Paleari; 84’ De Marchi; 84’ Vicario

Reti: 7’ D’Urso, 45’+2 Diaw