Perugia calcio: Prove di ripartenza. Il Grifo è covid-free e la FIGC ha deciso: “Campionati da finire sul campo”

0
294

PERUGIA – Sono tutti negativi i test sierologici effettuati su calciatori e staff del Perugia calcio a partire dal 14 maggio. Lo ha comunicato ufficialmente la società biancorossa con un post pubblicato sul sito ufficiale. Via libera quindi alla prosecuzione degli allenamenti individuali in piccoli gruppi all’interno dello stadio “Renato Curi” e probabilmente al passaggio graduale a quelli di squadra da fine maggio.

Intanto si registra la decisione presa dal Consiglio Federale, riunitosi nella giornata di mercoledì, di riavviare e completare le competizioni nazionali professionistiche fissando al 20 agosto la data ultima di chiusura delle competizioni di Serie A, B e C. Dunque se il Governo darà il via libera definitivo anche il campionato di serie B ripartirà presumibilmente sabato 20 giugno per le ultime 10 gare della stagione. Nella stessa riunione è stato precisato che sarà competenza del Consiglio Federale, precedentemente al riavvio dell’attività, determinare i criteri di definizione delle competizioni laddove, in ragione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19, le stesse dovessero essere nuovamente sospese, secondo i principi di seguito indicati: individuazione di un nuovo format (brevi fasi di playoff e playout al fine di individuare l’esito delle competizioni ivi incluse promozioni e retrocessioni; in caso di definitiva interruzione, definizione della classifica anche applicando oggettivi coefficienti correttivi che tengano conto della organizzazione in gironi e del diverso numero di gare disputate dai Club e che prevedano in ogni caso promozioni e retrocessioni. Infine è stato deciso che la stagione 2020-2021 inizierà l’1 settembre a soli 10 giorni dalla chiusura della precedente.

A margine dell’incontro il presidente della Lega di serie B Mauro Balata ha espresso soddisfazione per le decisioni prese: “In Consiglio federale è passata la linea a cui abbiamo dedicato diversi mesi di lavoro e che è sempre stata coerente con la volontà di tutta la Lega B di ripartenza nel segno del merito sportivo con un grande lavoro anche del presidente federale Gravina che ringrazio. Ora avanti con le riforme – conclude Balata – necessarie a mettere in sicurezza il sistema e per questo non più rimandabili”.