Pensioni, per Quota 100 in Umbria presentate già 158 domande

La maggior parte delle richieste, 128, sono giunte dalla provincia di Perugia e 30 da quella di Terni

0
227
Un ufficio dell'Inps
PERUGIA – Salgono a 158 le domande di pensione anticipata con Quota 100 arrivate all’Inps dall’Umbria. Dato aggiornato dall’Istituto alle 12 del primo febbraio. La maggior parte delle richieste, 128, sono giunte dalla provincia di Perugia e 30 da quella di Terni. Le domande possono essere presentate esclusivamente per via telematica dal portale dell’Inps. Direttamente dall’interessato o attraverso i patronati. Le 158 domande inviate dall’Umbria sono ora nel database dell’istituto per essere lavorate.

 

Ingresso Alla “pensione quota 100” è possibile accedere al raggiungimento, nel periodo compreso fra il 2019 e il 2021, di un’età anagrafica non inferiore a 62 anni e di un’anzianità contributiva non inferiore a 38 anni, anche cumulando i periodi assicurativi non coincidenti presenti in due o più gestioni fra quelle indicate dalla norma ed amministrate dall’Inps, conseguendo il diritto alla decorrenza del trattamento pensionistico trascorso il periodo previsto per l’apertura della c.d. finestra, diversificata in base al datore di lavoro ovvero alla gestione previdenziale a carico della quale è liquidato il trattamento pensionistico.
Alla pensione anticipata è possibile accedere al raggiungimento, nel periodo compreso fra il 2019 e il 2026, di un’anzianità contributiva non inferiore a 42 anni e 10 mesi per gli uomini e 41 anni e 10 mesi per le donne, conseguendo il diritto alla decorrenza del trattamento pensionistico trascorsi tre mesi dalla maturazione del predetto requisito.

Opzione donna Alla pensione anticipata «opzione donna» è possibile accedere al raggiungimento, entro il 31 dicembre 2018, di un’anzianità contributiva non inferiore a 35 anni e un’età anagrafica non inferiore a 58 anni, se lavoratrici dipendenti, ed a 59 anni, se lavoratrici autonome, con il sistema di calcolo contributivo, conseguendo il diritto alla decorrenza del trattamento pensionistico trascorsi 12 mesi per le lavoratrici dipendenti e 18 mesi per le lavoratrici autonome dalla maturazione dei prescritti requisiti.