Operata al femore a 107, nonnina ringrazia la sanità umbra

E l'assessore regionale Luca Barberini: testimonianza come quella di Luisa Zappitelli di Città di Castello ci riempiono di orgoglio

0
195
Altri organi, dopo la consultazione del registro nazionale, sono stati trasferiti in altri centri italiani. Nello specifico, un rene è stato inviato in Sicilia, mentre equipe di Napoli , Roma e Udine hanno potuto prelevare fegato e cuore
Una sala operatoria dell'ospedale di Perugia

PERUGIA – “Testimonianze come quella della signora Luisa, che in occasione della festa per i suoi 107 anni ha voluto ringraziare tutti coloro che operano, a vario titolo nel mondo della sanità umbra, ci incoraggiano a continuare, ancor più convintamente, ad investire risorse e programmare azioni per interventi finalizzati a promuovere l’ invecchiamento attivo, nonché a riconoscere e a valorizzare il ruolo delle persone anziane nella comunità regionale”: lo afferma l’assessore regionale alla Salute, Coesione sociale e Welafare, Luca Barberini.

L’assessore coglie l’occasione di una lettera con la quale la signora Luisa Zappitelli di Città di Castello ha voluto ringraziare gli operatori sanitari dopo essere stata operata con successo al femore all’ospedale della sua città, e ringraziando a sua volta la signora Luisa per la sua gentilezza, ha voluto rendere noto che “al primo gennaio 2018 in Umbria su 223.225 anziani (circa il 25,2 per cento della popolazione), ben 281 hanno più di 100 anni”. “Un dato significativo – ha detto l’assessore – che ci spinge ancora di più a lavorare per l’attivazione di una serie di servizi sociosanitari dedicati all’assistenza. In questo contesto, particolare attenzione è rivolta alla domiciliarità attraverso il potenziamento dell’offerta di prestazioni legate alla cura delle persone anziane non autosufficienti o in situazioni di dipendenza assistenziale, con un fondo specifico di 3 milioni di euro”.

“Cara signora Luisa – prosegue Barberini, in un comunicato della Regione – siamo noi a ringraziare lei per aver voluto raccontare la sua storia positiva nella sanità umbra. Le sue belle parole, dall’alto della sua lunga esperienza di vita, sono motivo di orgoglio e soddisfazione per tutti coloro che ogni giorno, con grande impegno, passione e umanità, lavorano a servizio della sanità regionale, per dare risposte efficaci e di qualità ai bisogni di salute cittadini”. “Tanti auguri e grazie alla signora Luisa – conclude l’assessore – una delle donne più longeve d’ Italia, per la sua testimonianza sulla buona sanità umbra”.

The following two tabs change content below.