Norcia, spunta l’ipotesi di spostamento per il Centro Boeri

E' stata rinviata al prossimo 20 marzo l'udienza preliminare a carico del sindaco Nicola Alemanno e dell'architetto milanese

0
270
Il Centro Boeri
NORCIA – E’ stata rinviata al prossimo 20 marzo l’udienza preliminare a carico del sindaco di Norcia, Nicola Alemanno e dell’architetto Stefano Boeri, indagati per abuso edilizio e deturpamento delle bellezze naturali per la costruzione del centro polivalente “Norcia 4.0″, posto sotto sequestro nel marzo di un anno fa. Il sindaco, inoltre, deve rispondere anche dell’accusa di falso per gli atti amministrativi che autorizzarono la costruzione.

 

Rinvio Il gup del tribunale di Spoleto, Federica Fortunati, ha disposto il rinvio dopo avere ascoltato le eccezioni sollevate dai difensori dei due indagati. Secondo uno dei legali di Alemanno, l’avvocato Massimo Marcucci, “si potrebbe ipotizzare di individuare una strada che possa portare a una delocalizzazione del centro polivalente, un’ opera temporanea e quindi smontabile”. E proprio sulla temporaneità o meno della costruzione si è basata molto l’accusa mossa dalla procura spoletina nei confronti del sindaco e del direttore dei lavori. Secondo i magistrati il centro polivalente non poteva infatti essere costruito attraverso le deroghe previste per l’ emergenza post sisma, ma doveva essere seguito il normale iter urbanistico-edilizio.