Nomine di Capodanno all’Usl Umbria 2, Mancini (Lega): “Controllare anomalie”

Il consigliere regionale del Carroccio ha annunciato che il suo partito sta raccogliendo materiale per presentare un fascicolo in Procura

0
103
Il consigliere della Lega, Valerio Mancini

TERNI – Il consigliere regionale della Lega Umbria, Valerio Mancini ha annunciato che il suo partito sta raccogliendo del materiale sulle “nomine di capodanno” avvenute all’Usl Umbria 2, da raccogliere in un fascicolo che verrà presentato alla Procura. Il consigliere del carroccio si riferisce alla stabilizzazione di 6 dirigenti amministrativi avvenuta il 31 dicembre 2019 a firma dell’ex commissario Massimo Braganti.

Ombre sulle nomine “Dopo la sospensione del concorso per le sei posizioni all’Usl 2 – spiega Mancini – si è proceduto mediante stabilizzazione facoltativa: procedura che non consente di reclutare tutte le professionalità possibili, utilizzando una norma che entrava in vigore il giorno dopo”. Questo modo di procedere, secondo il consigliere di maggioranza, getterebbe un’ombra sulla corretta interpretazione delle norme e pone la sanità umbra, dopo gli scandali di Concorsopoli, di nuovo al centro di polemiche. “Sarà eventualmente la magistratura ad esprimersi sulla legittimità di quanto accaduto” conclude Mancini che, in una nota stampa, ha anche chiesto al commissario straordinario di intervenire in autotutela sulla procedura  fintanto che non sia chiara la questione. 

The following two tabs change content below.