Nicola Piovani ospite della IV edizione del ‘Calvi Festival’

Il celebre musicista Premio Oscar in scena sabato 17 agosto alle 21.15 per il cartellone dedicato alla danza, alla musica, al teatro, all’arte, al cinema sotto la direzione artistica di Francesco Verdinelli

0
114
Il Premio Oscar Nicola Piovani, protagonista al 'Calvi Festival' de 'La musica è pericolosa'

CALVI DELL’UMBRIA – La musica è pericolosa, è il titolo del concerto-spettacolo che vedrà protagonista Nicola Piovani in programma sabato 17 agosto nell’ambito della quarta edizione del Calvi Festival. Il celebre compositore Premio Oscar, artista riconosciuto a livello internazionale, a partire dalle ore 21.15 in piazza Mazzini, accompagnerà il pubblico in una sorta di racconto autobiografico di oltre quarant’anni anni di prestigiosa carriera. Una serata eccezionale, in cui verrà proposto il progetto commissionato dal Festival Internazionale del Cinema di Cannes presentato per la prima volta nel 2003, nel corso della kermesse di quell’anno, fatto di ricordi, aneddoti ed emozioni.

Un vero e proprio viaggio in in libertà, narrato dagli strumenti che agiscono in scena (Marina Cesari al sax e al clarinetto, Pasquale Filastò al violoncello e alla chitarra, Ivan Gambini alla batteria e percussioni, Marco Loddo al contrabbasso e Rossano Baldini alle tastiere), tratto dall’omonimo libro scritto dal noto autore di colonne sonore per il cinema (pubblicato da Rizzoli nel 2014). Un racconto di note e suggestioni, in cui il musicista accompagna il pubblico attraverso i frastagliati percorsi (un numero sterminato di collaborazioni e incontri, umani e professionali) che l’hanno portato a fiancheggiare il lavoro di Fabrizio De André, Federico Fellini, Luigi Magni, Mario Monicelli, Nanni Moretti, Roberto Benigni (grazie al quale nel 1999, ha vinto il Premio Oscar per la miglior colonna sonora con La vita è bella); come anche di registi spagnoli, francesi, olandesi, per il teatro, il cinema, la televisione, di cantanti strumentisti, alternando l’esecuzione di brani teatralmente inediti a nuove versioni di brani più noti riarrangiati per l’occasione. Numerosi aneddoti, oltre ovviamente a considerazioni che da personali si fanno più generali sulla musica e il suo ruolo nella vita di tutti i giorni, pagine più poetiche accanto ad altre dal tono ironico, i percorsi e le intuizioni creative di un compositore prolifico e colto come Nicola Piovani.

“La musica è pericolosa -scrive nel suo libro Nicola Piovani- come lo sono tutte le cose profondamente belle: ci cambiano, a volte ci ammaliano di bellezza, come gli innamoramenti adolescenziali … come pericolosi possono essere i nostri incontri con quella bellezza che ha la forza di cambiarci dentro”.

Un racconto teatrale, in cui la parola arriva dove la musica non può arrivare, ma, soprattutto, la musica la fa da padrona là dove la parola non sa e non può arrivare. Un percorso, integrato da immagini di film, di spettacoli e, soprattutto, di illustratori come Emanuele Luzzati e Milo Manara che hanno collaborato con lui, e dedicato omaggi alla sua opera.

La musica è pericolosa, il concerto-spettacolo che vedrà protagonista Nicola Piovani, come diìcevamo, è inserito nell’ambito della quarta edizione del Calvi Festival la rassegna organizzata dalla locale amministrazione comunale, sotto la direzione artistica di Francesco Verdinelli. Un ricco cartellone dedicato alla danza, alla musica, al teatro, all’arte, al cinema in programma fino al 7 settembre, che è possibile consultare nel sito www.calvifestival.it.

 

.

The following two tabs change content below.