Napoli – Perugia 2-0. Un Grifo coraggioso si ferma sul dischetto

0
419

NAPOLI – Sfida di prestigio per il Perugia all’ombra del Vesuvio per gli ottavi di finale di Coppa Italia. I Grifoni tonano a giocare in questa competizione al San Paolo dopo 23 anni, ma i motivi di interesse sono legati soprattutto alla prima ufficiale in panchina di Serse Cosmi, tornato sulla panchina del Perugia dopo 20 anni dalla prima esperienza. I partenopei dell’ex Gattuso vogliono tornare alla vittoria per interrompere il brutto momento attraversato soprattutto in campionato, mentre per i Grifoni l’occasione è quella giusta per incarnare il carattere del proprio allenatore e per vedere il nuovo assetto basato il modulo 3-5-2.

Ecco le formazioni ufficiali schierate dai 2 tecnici:

NAPOLI (4-3-3): Ospina; Hysaj, Di Lorenzo, Manolas, Mario Rui; Fabian, Zielinski, Elmas; Insigne, Lorente, Lozano

PERUGIA (3-5-2): Fulignati; Sgarbi, Gyomber, Falasco; Rosi, Falzerano, Carraro, Buonaiuto, Nzita; Iemmello, Falcinelli

PRIMO TEMPO

1 pt – Grifoni in completa divisa rossa battono il calcio d’inizio della gara. Al primo minuto subito conclusione di Iemmello dai 20 metri bloccata da Ospina.

4 pt – Ancora Grifo pericoloso in contropiede con Iemmello che raccoglie un invito di Falcinelli e calcia a giro dal limite sfiorando il palo lontano.

12 pt – Doppia occasione per il Napoli che prova a fare la partita dopo l’inizio fav. Prima è Fabian a tentare la conclusione dal limite con Fulignati che mette in angolo di pugno. Poi dalla bandierina è Manolas di testa a sfiorare la porta

14 pt – Ancora Napoli pericoloso davanti con Lozano davanti a Fulignati. il destro del messicano è respinto dall’estremo difensore biancorosso.

17 pt – Prova ad alleggerire la pressione il Perugia con Falzerano che servito da Falcinelli tenta un destro incrociato che esce sul fondo.

20 pt – Ancora Napoli sugli scudi con Insigne che in area colpisce al volo ma Llorente involontariamente ribatte

24 pt – Napoli in vantaggio su calcio di rigore con Insigne decretato dall’arbitro Massimi per un fallo di Nzita su Llorente

37 pt – Secondo rigore per il Napoli decretato dopo la consultazione della Var per un fallo di mano in area di Iemmello su calcio di punizione dalla destra. Ancora Insigne trasforma il 2 a 0.

44 pt – Tramortito dall’uno-due dei padroni di casa prova a riaffacciarsi il Perugia nella metà campo avversaria con Falzerano, tra i migliori, che serve Falcinelli il cui sinistro termina sul fondo.

47 pt – Ancora Var stavolta a favore del Perugia per un mani di Hyusaj in area. Iemmello va sul dischetto ma si fa ipnotizzare da Ospina che respinge sulla sua sinistra.

Si va al riposo con il Napoli in vantaggio per 2 a 0 dopo un primo tempo combattuto nel quale il Perugia ha tenuto il campo ma si è dimostrato ingenuo negli episodi chiave.

SECONDO TEMPO

1 st – Si riparte per la ripresa senza cambi in entrambe le formazioni

7 st – Palla recuperata da Iemmello al limite, il destro che segue è smorzato e arriva debole tra le braccia di Ospina

10 st – Primo cambio per Cosmi con Buonaiuto che lascia il campo a Dragomir

17 st – Ritmo partita che cala in questa ripresa con la spinta del Napoli che si placa. Cosmi opera il secondo cambio inserendo Melchiorri per Iemmello. Dall’altra parte esce Fabian ed entra il nuovo acquisto Demme.

26 st – Occasione per il Perugia con cross dalla destra di Rosi e girata di testa di Falcinelli che incrocia e sfiora il palo. Intanto fuori Carraro e dentro Konate. Grande tifo della Nord che continua ad incitare i Grifoni che spingono.

30 st – Proprio Konate ha la palla buona al limite ma il suo destro viene ribattuto

37 st – Sinistro dai 20 metri di Falasco dopo una lunga azione biancorossa, il pallone sfila sul fondo. Dall’altra parte risponde Helmas con un destro ribattuto da Fulignati

45 st – Fulignati blocca anche un destro di Callejon subentrato nel finale per Lozano.

Si chiude così sul 2 a 0 per il Napoli con il Perugia che abbandona con onore la Coppa Italia di fronte ad un avversario di caratura superiore dopo un cammino importante culminato con le vittorie contro Brescia e Sassuolo, formazioni di serie A. Grifoni applauditi dallo splendido pubblico biancorosso alla fine di una prestazione che ha dimostrato il carattere e la combattività, qualità che aveva richiesto il tecnico Cosmi, e qualche buona trama ad inizio gara e nel secondo tempo.