Mercato, Goretti: “Deluso per non aver centrato tutti gli obiettivi”.

0
941

PERUGIA – A qualche giorno dalla chiusura delle trattative c’è ancora un nodo di mercato da sciogliere, ed è proprio il direttore dell’area tecnica Roberto Goretti a farlo prima di tracciare un bilancio della sessione invernale. “Rosi domani sarà a disposizione di Nesta – esordisce Goretti -. Oggi ha fatto le visite mediche e ha firmato per 2 anni e mezzo. Ha atteso la possibilità di avere una chance di serie a con Parma e Bologna ed è comprensibile per un giocatore che ha fatto 10 anni di serie A. I tifosi sapranno apprezzarlo”.

Il bilancio
“Questo mercato è in prospettiva anche per la prossima stagione. Sadiq è stata un’occasione da non farsi sfuggire. Un giocatore che seguivano e che ci completava per caratteristiche che ha e che non avevamo. Poi è stata fatta la scelta di cercare giocatori importanti in prospettiva anche per i prossimi anni, 2 centrocampisti e 2 difensori che avessero alzato il tasso tecnico della squadra. Altrimenti non avremmo preso nessuno.
Di questi abbiamo centrato 3 pedine su 4 e non nascondo che, alla fine del mercato, ero molto deluso. Ho anche dovuto chiamare il mister per comunicare questa cosa e mi pesava. Le sue parole, però,  mi hanno rincuorato molto”.

Gli altri
“Molte squadre, anche quelle dietro di noi in classifica, si sono rinforzate. Vedremo la nostra collocazione. Sicuramente abbiamo costruito la nostra mentalità in questa stagione con il lavoro di Nesta e in questo mercato abbiamo cercato di seguirla”.

Le uscite mancate
“Non sempre nelle trattative si riescono a mettere d’accordo tutte le componenti. Falasco aveva tante richieste ma non avendo preso un sostituto non è partito. Moscati credo si sia caricato di troppe aspettative nella prima parte della stagione. Con lui avevo concordato che se il Brescia avesse voluto chiudere la trattativa sarebbe andato, ma poi si sono tirati indietro. Monaco ha chiesto di essere ceduto da questa estate, dichiarando che non poteva assolutamente giocare con noi, ma poi ha rifiutato tutte le opportunità che ha avuto in questo mese anche con stipendi superiori. Credo che in questo caso ci sia un mix di presunzione e poca intelligenza”.

Ranocchia
“Con la Juventus abbiamo un ottimo rapporto. Si tratta di una grande opportunità per il ragazzo, che se la merita, e anche per noi che abbiamo il 50% sulla futura rivendita”.

Le delusioni Cacciatore e Martella
“Se da grande farò il ds dovrò abituarmi a prender pali in faccia all’ultimo secondo. Ero molto fiducioso ma ho sbagliato la valutazione. Per Cacciatore dovevamo avere un appuntamento decisivo con il mediatore che è slittato e si è inserito il Cagliari. Poi il presidente del Chievo Campedelli voleva bloccare la cessione per la parola data a noi, ma non ce la siamo sentita di negare una opportunità al ragazzo e al Chievo stesso.”

Il contratto di Nesta
“Non mi sono dato una scadenza per il rinnovo. Noi vogliamo di certo continuare con lui. Non credo che questo mercato possa influire con le scelte del mister. Penso che Nesta deciderà in base a ciò che sarà meglio per la sua crescita professionale”.