Lavoro, da Terni un’associazione per valorizzare la figura degli Oss

Nasce "Assistenza Forma" per gli Operatori socio sanitari sempre più importanti nel quadro del servizio sanitario pubblico e privato. Il direttore di Inmetodo, Emilio Landi spiega che è "giunto il momento di creare uno spazio dove gli Oss possano confrontarsi e continuare a formarsi per svolgere al meglio la propria professione"

0
1334

TERNI – Parte da Terni l’idea di creare un’associazione che raggruppi gli Operatori socio sanitari, i cosiddetti Oss, figure sempre più importanti nel servizio sanitario pubblico e privato. L’associazione prende il nome di “Assistenza Forma” e nasce con l’intento di diventare uno “spazio” di confronto, dibattito e condivisione per tutti gli Operatori socio sanitari umbri e non solo. “A fronte di una sempre maggiore importanza dell’Oss abbiamo pensato che fosse giunto il momento di dare vita a un’associazione che potesse permettere ai tanti professionisti dell’assistenza di ritrovarsi periodicamente, sia per dare vita a momenti di confronto, sia per attuare percorsi di formazione utili per svolgere al meglio la professione”, spiega Emilio Landi, direttore di Inmetodo da cui è nata AiP Sanitas, la scuola di formazione che si occupa, appunto, di formare i nuovi Oss. L’associazione è stata presentata in occasione del convegno “I Volti dell’Alzheimer” che si è svolto la settimana scorsa nella sede ternana di Inmetodo a cui hanno preso parte un centinaio di Operatori socio sanitari che hanno potuto così assistere agli interventi della dottoressa Simonetta Cesarini, che ha parlato nello specifico della malattia dell’Alzheimer; del dottor Alessandro Focarelli che si è invece soffermato del ruolo degli Oss all’interno delle strutture che ospitano, appunto, questa tipologia di malati, e del dottor Giorgio Della Pietà che ha parlato del sostegno alle famiglie e al personale del paziente Alzheimer.

“E’ stato un momento importante sia per noi, che da oltre 25 anni facciamo formazione, sia per i tanti Operatori socio sanitari che finalmente possono avere una propria ‘casa’ in cui ritrovarsi per confrontarsi e magari far emergere anche quelle criticità che possono ancora ostacolare il percorso di crescita di uno mondo, quale è quello degli Oss, sempre più importante nella vita quotidiana di migliaia di famiglie”, ha aggiunto Landi. “L’idea di creare un’associazione – ha concluso il direttore – nasce proprio dagli Oss che sentono forte la necessità di esistere anche da un punto di vista della riconoscibilità e dell’importanza sociale e sanitaria che rivestono e noi siamo stati felici di assecondare questa loro esigenza mettendoci a disposizione per cercare di far vivere questa figura anche al di fuori dei loro orari di lavoro”.

L’iniziativa ha avuto un tale successo che sabato 3 agosto sarà di fatto replicato il convegno, valido anche come aggiornamento per gli Oss. L’incontro è fissato presso la sede di AiP Sanitas, in via Galvani 11 , a Terni, dalle 9,30 alle 12. “Abbiamo deciso di riproporre il tema dell’Alzheimer dopo il grande successo di interesse e partecipazione che ha avuto il primo appuntamento – ha detto ancora Landi – E questo per dare a tutti gli Operatori la possibilità di partecipare ai lavori e magari aderire all’associazione”.

 

The following two tabs change content below.