La Budapest Festival Orchestra al Morlacchi di Perugia

La prestigiosa formazione, diretta da Ivan Fischer con ospite il pianista Emanuel Ax, protagonista del concerto finale della Stagione degli Amici della Musica del capoluogo umbro

0
251
La Budapest Festival Orchestra, diretta da Ivan Fischer, protagonista del finale di Stagione degli Amici della Musica di Perugia

PERUGIA- Con un concerto sinfonico assieme che vedrà salire sul palco la Budapest Festival Orchestra, si conclude venerdì 24 maggio la 73esima Stagione  degli Amici della Musica di Perugia. La prestigiosa formazione, diretta da Ivan Fischer con ospite il pianista Emanuel Ax, sarà protagonista dell’ultimo appuntamento di quest’anno in programma alle ore 20.30 al Teatro Morlacchi in cui verrà eseguito un programma di grande interesse. Ad aprire la serata, la Sinfonia dall’Ouverture de La gazza ladra celebre opera di Gioacchino Rossini, cui farà seguito il Concerto in sol maggiore K. 453 per pianoforte e orchestra di Wolfgang Amadeus Mozart. Dopo l’intervallo, verrà proposta un’altra famosa Ouverture del compositore pesarese la Sinfonia de L’Italiana in Algeri, che farà da anteprima all’intensa Quarta Sinfonia n.4 in do minore D.417 (conosciuta anche come Tragica), pagina giovanile di Franz Schubert.

Un festoso finale di Stagione, quindi, che segna il ritorno a Perugia di un’Orchestra di eccezionale qualità con ospite un altrettanto straordinario solista. La Budapest Festival Orchestra, fondata da Iván Fischer nel 1983, ospite regolare dei festival internazionali più importanti, è senz’altro, una delle migliori orchestre del Mondo. Le sue incisioni discografiche (prima con Philips Classics, poi con Channel Classics) hanno ricevuto numerosi premi. In oltre trentacinque anni di attività, la Budapest Festival Orchestra ha, inoltre, realizzato numerosi concerti innovativi che hanno fatto notizia oltre le frontiere ungheresi. Tra questi, i Cocoa Concerts, pensati per i bambini affetti di autismo, riescono a portare la gioia della musica a tutta la famiglia. La Budapest Festival Orchestra ​​ha commissionato e presentato in prima esecuzione molte nuove composizioni. I suoi primi principali direttori ospiti sono stati Georg SoltiYehudi Menuhin,  e, attualmente, GáborTakács-Nagy.

Iván Fischer è direttore musicale e fondatore della Budapest Festival Orchestra, oltre che direttore musicale della Konzerthaus e della Konzerthausorchester di Berlino. Ultimamente la sua fama sta crescendo anche nel ruolo di compositore. La sua collaborazione con la Budapest Festival Orchestra dura da più di trent’anni, con enormi successi sulla scena musicale internazionale, affermazioni che hanno contribuito ad essere riconosciuto come uno dei direttori d’orchestra più richiesti del Mondo.

Nato a Lvov, in Polonia, Emanuel Ax si è trasferito con la sua famiglia a Winnipeg, in Canada, quando era ancora bambino. Si è imposto sulla scena internazionale per la prima volta nel 1974 con la vittoria alla prima edizione del Concorso Pianistico Internazionale Arthur Rubinstein a Tel Aviv, mentre nel 1979 ha ricevuto l’ambito Avery Fisher Prize. Negli ultimi anni Emanuel Ax ha concentrato la sua attenzione sulla musica di compositori del ventesimo secolo, tenendo le prime esecuzioni mondiali di opere di John Adams, Christopher Rouse, Krzysztof Penderecki, Bright Sheng e Melinda Wagner.

Incide in esclusiva per Sony Classical dal 1987. Di recente sono stati pubblicati i Trii di Mendelsshon con Yo-Yo Ma ed Itzhak Perlman, il melodramma Enoch Arden di Strauss narrato da Patrick Stewart e un CD con musiche per due pianoforti di Brahms e Rachmaninov, eseguite con Yefim Bronfman.

Nella stagione 20042005, ha dato il suo contributo ad un documentario, prodotto dalla BBC e premiato con un Emmy Award, per commemorare l’Olocausto, diffuso nel sessantesimo anniversario della chiusura del Campo di concentramento di Auschwitz.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

The following two tabs change content below.