La Bartoccini Fortinfissi Perugia ha la meglio sulle campionesse del mondo della Imoco Volley Conegliano

0
144

PERUGIA – La Bartoccini Fortinfissi Perugia supera 3-2 (25-15, 23-25, 25-18, 17-25, 15-10 i parziali) le campionesse del mondo della Imoco Consegliano
Santarelli fa ampio ricorso al turnover e lascia a casa gran parte delle titolari protagoniste della vittoria mondiale in Cina di domenica scorsa. La Bartoccini Fortinfissi parte col piede giusto e mantiene un vantaggio di due-tre punti con Lazic, Montibeller e con il muro che riesce a contenere gli attacchi delle venete. Sul 14-10 Santarelli chiama la prima sospensione. L’uscita dal time out, però, sorride a Perugia che allunga sul 17-11 con Bidias, Montibeller e un’ottima difesa. Il coach ospite è costretto a fermare il gioco un’altra volta. La Imoco si riavvicina, ma Lazic e Montibeller chiudono sul 25-15.
Il secondo set vede un grande equilibrio, con le due squadre incapaci di prendere un vantaggio significativo. Due punti consecutivi di Sorokaite inducono Bovari a chiamare time out sul 17-18. La Bartoccini Fortinfissi resta attaccata alle avversarie e mette la freccia 22-19 con due errori delle pantere e Montibeller. Il muro ospite comincia a prendere le misure alle ragazze di casa, che consegnano il pareggio a quota 22 con un’infrazione in palleggio di Strunjak. Montibeller sbaglia una battuta e Geerties firma il 23-24 con un servizio vincente. Poi Ogbogu chiude il set sul 23-25.
L’avvio del terzo set vede Bidias sugli scudi e Perugia che si porta sul 5-3. Enweonwu tiene la Imoco a distanza, ma il duo brasiliano Bidias-Montibeller sigla l’allungo Bartoccini prima sul 13-9 e poi sul 14-10. Lazic cerca le mani del muro avversario e le ragazze di Bovari si portano sul 15-10. Conegliano ha le polveri bagnate e due errori consecutivi permettono alle magliette nere di portarsi sul 18-11. Santarelli si rifugia nel time out. Le sue ragazze hanno un sussulto e si rifanno sotto sul 20-16 con tre punti di Botezat. Ma continuano a sbagliare troppo e per Perugia non è un problema chiudere il set sul 25-18 con un contrasto a rete vinto da Bidias.
Conegliano parte forte nel quarto set e va sul 2-6 soprattutto con Ogbogu e Geerties. Perugia oggi non molla un centimetro e con il muro e Bidias acciuffa il 7-7. La Imoco rimette la testa avanti con Cagnin: 7-10, ma Montibeller e Bidias non ci stanno e ristabiliscono la parità a quota 12. La Imoco rimette la testa avanti con Ogbogu e Geerties, obbligando Bovari a fermare il gioco sul 12-15. Le ospiti si mantengono a distanza di sicurezza con Sorokaite e Geerties sul 15-21 e la panchina umbra chiama un altro time out. Bovari gioca la carta Pascucci, ma Conegliano non si volta più indietro e chiude sul 17-25 con un muro vincente, portando il match al tie break.
Nell’ultimo set è la Bartoccini Fortinfissi a partire meglio: 5-3. Conegliano ha preso fiducia e ribalta la situazione portandosi sul 5-7. Bovari chiama il minuto di sospensione, ma si cambia campo sul 6-8. Menghi e Lazic provano a ricucire lo svantaggio e un fallo a rete della Imoco consegna il 10-10 a Perugia, che mette la testa avanti 11-10 con Bidias. Ora è il turno di Santarelli a chiamare timeout. La brasiliana concede il bis e poi il tris e per le padrone di casa è 13-10. Il tecnico ospite deve fermare il gioco un’altra volta. Le sue sbagliano un attacco e l’ace di Rebecca Lazic regala il set 15-10 e la vittoria alla Bartoccini Fortinfissi Perugia.

Le parole di coach Fabio Bovari a fine gara: “E’ stata una partita dura, sapevamo che Conegliano era difficile da battere sia con le titolari che con le riserve. Schierando le seconde linee da squadra stellare è una squadra stellata: per ottenere i risultati che stanno ottenendo non lavorano con 12 ma con 14 giocatrici. Ci hanno costretto a sbagliare e abbiamo sbagliato. Non è stata una delle nostre migliori partite, ma oggi ci premia il punteggio e non il gioco. Bene perché molto spesso abbiamo giocato bene, ma senza fare punti. È la famosa livella di Totò: qualche volta si toglie e qualche volta si riceve. Oggi abbiamo ricevuto, non sono contento del gioco, ma del risultato. Abbiamo bisogno di punti, ne abbiamo presi due. Bisogna guardare il bicchiere mezzo pieno e continuare a lavorare. Abbiamo la convinzione di poter far bene, ogni tanto caliamo di concentrazione e scendiamo di livello e non ce lo possiamo permettere. Conosciamo i nostri difetti e lavoriamo per risolverli, speriamo quanto prima di poter unire il gioco ai risultati. A volte c’è stato il gioco ed è mancato il risultato, oggi abbiamo preso punti ma giocato meno bene”.
Daniele Santarelli, allenatore della Imoco Conegliano: “Di positivo ci sono le buone prestazioni di alcune ragazze giovani che fino a ora avevano trovato meno spazio. E’ stata una partita brutta, ci abbiamo messo tanto ad adattarci contro un sestetto che in questo momento fa fatica in campionato, ma è collaudato. E’ stata una gara dal tasso tecnico basso, con tanti errori. Siamo stati bravi a riprenderla, dopo quel terzo set rischiavamo. Abbiamo conquistato un punto, peccato perché al tie break eravamo in vantaggio. Pazienza, dobbiamo riguardare quello che non è andato e le giovani devono capire cosa fare se vogliono ritagliarsi spazio. Ora ci aspettano sfide molto importanti a Chieri e Nantes in Champions e poi c’è la coppa Italia a fine gennaio, manca un mese e mezzo per il prossimo trofeo”.

 

BARTOCCINI FORTINFISSI PERUGIA – IMOCO CONEGLIANO  3-2
(25-15, 23-25, 25-18, 17-25, 15-10)

PERUGIA: Montibeller 24, Bidias 24, Lazic 12, Strunjak 5, Casillo 4, Demichelis 1, Cecchetto (L1), Menghi 3, Pascucci 1, Angeloni, Raskie. N.E. – Mio Bertolo, Taborelli, Bruno (L2). All. Fabio Bovari e Daniele Panfili.

CONEGLIANO: Ogbogu 21, Sorokaite 16, Geerties 13, Botezat 11, Enweonwu 8, Gennari 3, Fersino (L1), Cagnin 3, Eze, Eckl. N.E. – Cortella, De Gennaro, Natalizia (L2). All. Daniele Santarelli ed Alessio Simone.

NOTE – Spettatori 1’500.
MVP: Regiane Bidias
Durata dei set: 26’, 30’, 27’, 24’, 16’.

Arbitri – Mariano Gasparro (SA) e Stefano Cesare (RM).

BARTOCCINI (b.s. 7, v. 1, muri 11, errori 11).
IMOCO (b.s. 7, v. 2, muri 12, errori 24).