Il ritorno di Diego Falcinelli: “Ho un lavoro da finire”

0
129

PERUGIA – Dopo 4 anni sarà di nuovo in sella al suo Grifo. Una questione di cuore per Diego Falcinelli che riabbraccia i suoi tifosi e si prepara a dare il suo contributo in questo nuovo Perugia, la squadra della sua città, quella per cui ha gioito tante volte da spettatore.

“Con Roberto ci siamo sempre sentiti –  esordisce Falcinelli –  da quando sono andato via, gli scrissi un messaggio tempo fa perché avevo delle richieste della serie B e pensare di entrare qui con un’altra maglia non sarebbe stato possibile. È iniziato tutto così…

Sono sempre stato abituato a lavorare per qualcosa di importante. Sono tornato per continuare ciò che è stato interrotto e con la società diamo d’accordo. Non sono più tornato qui perché il play off non mi è andato giù anche se eravamo appena tornati in b. Sono tornato per fare il massimo e non nominiamo altro. Certamente non è un anno di vacanza.

L’8 di Renato Curi? È una maglia a cui do molto valore da perugino. Sono sicurissimo che la onorerò sempre.

La pressione? Fa parte di questo sport. Negli anni di serie A ho imparato a gestirla. Senza pressioni nel calcio fai poco.

Quando ho accettato il mio intento è quello di unire la città e la squadra. Qui c’è tutto per fare bene.

Dai compagni di serie A ho imparato l’intensità negli allenamenti, a dare sempre tutto e mantenere uno standard alto. Il singolo può vincere una, due partite. Gli obiettivi si conquistano con il gruppo.

Venire qui in prestito con un contratto di 3 anni al Bologna mi da fastidio perché io vorrei comunque rimanere qui. L’unico modo è vincere il campionato.

Mihajlovic è un grande uomo e allenatore, a prescindere che mi abbia fatto giocare o meno. È una persona vera è un guerriero. Siamo convinti che ce la farà.

Oddo mi ha chiesto di essere un punto di riferimento. Speravo che me lo chiedesse perché dentro di me vorrei farlo”.

 

The following two tabs change content below.