Il Duo Enrico Rava – Danilo Rea in concerto a Perugia

L'incontro tra il trombettista e il pianista, primo appuntamento per la Stagione 2019-2020 del Jazz Club del capoluogo umbro venerdì 8 novembre, alle ore 21.30, alla Sala Raffaello dell'Hotel Brufani

0
96
Il Duo Enrico Rava - Danilo Rea, protagonista del primo appuntamento della Stagione 2019-2020 del Jazz Club Perugia

PERUGIA- Con il Duo Enrico Rava e Danilo Rea, prende avvio venerdì 8 novembre la Stagione di concerti 2019-2020 del Jazz Club Perugia. Otto appuntamenti in cartellone da inizio novembre a fine aprile, organizzati da quest’anno dalla Fondazione Umbria Jazz, al pari delle altre kermesse, Umbria Jazz, Umbria Jazz Spring e Umbria Jazz Winter.

Prende forma, quindi, un progetto comprendente tre festival e una stagione, senza soluzione di continuità, che offrirà agli appassionati una proposta ricca ed eterogenea. Sede dei concerti sarà anche quest’anno la Sala Raffaello dell’Hotel Brufani, con l’eccezione dell’evento del 23 dicembre che si terrà al Teatro Morlacchi.

Ad inaugurare la rassegna, come dicevamo, l’8 novembre il Duo che, probabilmente, rappresenta il meglio del jazz nostrano : Enrico Rava e Danilo Rea, che così recupera il concerto previsto la passata Stagione rinviato all’ultimo momento per l’indisponibiltà del trombettista. Ai due musicisti, l’idea di tornare a suonare insieme era venuta quando, non molto tempo fa, si erano incrociati all’aeroporto di Londra. Nell’attesa di prendere il volo per Roma, chiacchierando del più e del meno, avevano deciso di dare vita ad un nuovo sodalizio con un repertorio che tenesse conto di quelli resi celebri da Chet Baker, Miles Davis, Joao Gilberto; brani indimenticabili, da reintepretare in maniera raffinata, intensa e mai banale.

“Enrico Rava è un musicista incredibile -dice Danilo Rea- di quelli che riconosci dopo la prima nota. Se è vero che il suono è l’espressione dell’anima, allora lui ne è l’esempio più evidente. Molti solisti, quando suonano in duo, hanno bisogno di essere accompagnati. Con Enrico è diverso, si crea una sinergia e un suono unico, come se ci fosse una terza persona a suonare con noi. Personalmente, ho sempre pensato al jazz come un racconto di vita, l’esperienza è fondamentale. Ovviamente, puoi suonare così solo quando c’è una grande fiducia reciproca, che ti porta anche ad essere propositivo”.

“Non è la prima volta che suono con Danilo -ricorda, invece, Enrico Rava- è un pianista strepitoso, non è mai banale e riesce sempre a sorprendermi. Inoltre, ha una caratteristica che lo differenzia da molti: è un musicista che sa ascoltare e si fa ascoltare allo stesso tempo. Dalle nostre collaborazioni sono nate sempre delle cose impreviste, e questo può accadere solo quando c’è un ascolto reciproco. Abbiamo scelto dei brani per il repertorio dei concerti ma ci siamo lasciati anche molto spazio per l’improvvisazione”.

Nel corso degli anni, Enrico Rava e Danilo Rea avevano già collaborato in diverse occasioni, sia in duo che in gruppo, indimenticabile rimane il Tour europeo Complete Reunion, che comprendeva tra gli altri il sassofonista argentino Gato Barbieri.

The following two tabs change content below.