Giornata della Memoria, a Perugia lo scautismo clandestino delle Aquile Randagie

Domenica 27 alla Sala dei Notari testimonianze e contributi multimediali per ricordare gli scout che si ribellarono al fascismo e salvarono oltre 2mila persone perseguitate dal regime

0
998

PERUGIA – A lezione dalle Aquile Randagie. In occasione della Giornata della Memoria 2019, il prossimo 27 gennaio Perugia ospita un incontro dedicato al ricordo degli scout che si ribellarono al fascismo e salvarono oltre 2mila persone perseguitate dal regime. L’evento cittadino, che si svolgerà alle 9 presso la Sala dei Notari, è organizzato dalle Comunità MASCI (Movimento Adulti Scout Cattolici Italiani) di Perugia con il patrocinio del Comune, vuole far conoscere e divulgare la storia delle Aquile Randagie, che parte nel 1928 andrà avanti fino alla fine della guerra. Nel 1928 infatti Mussolini, con l’approvazione delle cosiddette leggi fasciatissime, dichiarava soppressa qualunque forma di associazionismo o organizzazione contraria al regime, tra cui anche l’ASCI (Associazione scout cattolici italiani). Alcuni scout decisero allora di continuare le attività clandestinamente, promettendo di resistere “un giorno in più” del fascismo. Quella delle Aquile Randagie è la storia di una Resistenza durata 17 anni, e portata avanti prevalentemente in Lombardia, tra Milano, Monza e la Val Codera. Ospite della giornata sarà Fabio Bigatti, scout del MASCI e custode delle Basi della Val Codera che ancora oggi sono meta di tanti scout ed escursionisti, richiamati dalla testimonianza delle Aquile Randagie: una testimonianza di coraggio e fedeltà all’ideale che desta ammirazione ed interroga sulla Libertà. Oltre all’attività scout, nel 1943 le Aquile Randagie contribuirono a fondare l’OSCAR (Organizzazione Scout Collocamento Assistenza Ricercati), un’organizzazione che portò in salvo oltre 2000 persone perseguitate dal regime, aiutandole ad espatriare in Svizzera. Il magister della Comunità MASCI Perugia 2, Enrico Biagioli, ha parlato così dell’incontro di domenica.