Emergenza povertà, la Caritas di Foligno: “Servono volontari”

Una decina le persone senza tetto accolte nelle strutture diocesane alle quali se ne aggiungeranno altrettante in vista della stagione invernale. Mauro Masciotti, direttore Caritas: “Alle parole devono seguire i fatti”

0
100
Un anziano rovista tra i rifiuti

FOLGINO – Emergenza povertà. A lanciare l’allarme è la Caritas di Foligno che, attraverso il direttore Mauro Masciotti, chiede che alle parole “seguano i fatti”.

Mancano volontari A seguito degli appelli della Caritas diocesana degli scorsi giorni non sono arrivate risposte dalla comunità folignate. Le situazioni di difficoltà sono tante e mancano i volontari. “Il dato di fatto – spiega il direttore della Caritas Diocesana di Foligno, Mauro Masciotti – è che nessuno ha bussato alla nostra porta per proporsi come volontario. Le nostre strutture sono piene e abbiamo bisogno di qualcuno che metta a disposizione un po’ del proprio tempo, uomini e donne di buona volontà che si spendano per il prossimo a fatti e non solo a parole”.

Senza tetto e povertà Al momento sono una decina le persone senza un tetto sulla testa accolte nelle strutture della Caritas folignate, alle quali se ne aggiungeranno altrettante appena saranno disponibili i nuovi spazi che l’Ufficio pastorale sta predisponendo per l’accoglienza, soprattutto in vista della stagione invernale che, come sempre, fa scattare la cosiddetta “emergenza freddo”. Intanto però l’emergenza è un’altra, e cioè la mancanza di volontari da impiegare soprattutto nella gestione degli ospitali, in particolar modo nelle ore notturne, e dei servizi ad essi collegati, come il vestiario o in quelle attività che richiedono un accompagnamento quando si tratta di persone anziane accolte nelle strutture Caritas.

Appello della Caritas Da piazza San Giacomo, dunque, si rinnova l’appello alla città tutta, perché la vicinanza al prossimo non venga proclamata solo a parole, ma si trasformi in gesti concreti che prendono le parti da quelli che sono i reali bisogni delle persone più fragili. “Ci aspettavamo che qualche folignate di buona volontà rispondesse al nostro appello per la ricerca di volontari, ma così non è stato”. Masciotti si dice rammaricato perché alle parole pronunciate nelle scorse settimane da tanti concittadini non hanno fatto seguito gesti concreti di vicinanza nei confronti di chi vive in situazioni di disagio. La speranza, ora, è che il nuovo appello non rimanga ancora inascoltato.

 

The following two tabs change content below.