Elezioni regionali, corse di candidati e liste sotto il sole

Andrea Fora ufficializza la sua discesa in campo ma nel centrosinistra non mancano le incognite mentre nel centrodestra il tandem Squarta-Tesei va verso la presentazione ufficiale

0
220
Palazzo Donini, sede della Regione
di Pierpaolo Burattini 

 

PERUGIA – Signore e signori, ci siamo: ottanta giorni di tira e molla e compagna elettorale poi domenica  27 ottobre si conoscerà il nome del nuovo nuovo presidente della Regione. A questo punto il dato tecnico politico, niente affatto secondario, ci dice che le liste andranno presentate entro 30 giorni dal voto, ovvero entro il 27 settembre, con un minimo di 250 firme necessarie da raccogliere nei 15 giorni precedenti. La legge elettorale umbra breve collegio unico, doppia preferenza di genere e niente voto disgiunto. Come si capisce siamo alla corsa sotto l’ombrellone. Per la politica umbra sarà un agosto senza pace. Ma andiamo a vedere nel particolare cosa sta succedendo nei vari schieramenti. Questo i quadro.

Centrodestra  Dalle parti del centrodestra la situazione è complessivamente chiara da diverse settimane e salvo ribaltoni Lega e Fratelli d’Italia e Forza Italia  andranno alla candidatura della senatrice leghista Donatella Tesei Ticket: l’ex sindaco di Montefalco avrà accanto il consigliere regionale di Fratelli d’Italia Marco Squarta: insomma, siamo al ticket di sapore americaneggiante. Non ci saranno liste civiche e l’unica incognita riguarda la presenza o meno  di quel raggruppamento guidato dall’attuale presidente del consiglio comunale di Perugia ed ex vice sindaco nell’era Boccali, Nilo Arcudi. Al momento è più probabile un no che un si. Se non ci sono intoppi di sorta entro la fine di agosto fine presentato il pacchetto con tanto di foto ricordo. Se ci dovesse essere la vittoria del centrodestra nella prossima giunta potremmo vedere il leghista Valerio Mancini, il forzista Roberto Morroni e l’attuale assessore al Comune di Terni Enrico Melasecche. Piccolo inciso: il cambio di tre assessori voluto dal sindaco di Terni Leonardo Latini molto probabilmente corrisponde anche al desiderio di tenere il fronte compatto in vista proprio delle elezioni regionali che altrimenti potrebbero abbattersi su Palazzo Spada come un uragano. A chiudere: in questo contesto c’è da capire quale partita giocherà il nuovo movimento lanciato dal presidente della Regione Liguria Giovanni Toti che in Umbria è guidato dall’ex parlamentare forzista Pietro Laffranco.

Centrosinistra  Qui la parola d’ordine e civismo. Il presidente regionale di Confcooperative Andrea Fora, dopo settimane di indiscrezioni e retroscena, ha rotto ufficialmente gli indugi ufficializzando la sua discesa in campo con una intervista rilasciato al Corriere dell’Umbria. Nessun clamore, la scelta era ormai chiara a molti ma Fora nell’intervista spiega bene in cosa consiste il progetto di ‘Cantiere Civico’: ovvero, aggregare forze sia sul versante di centrodestra senza disegnare di pescare in quell’aria moderata di centrista che  vede come fumo negli occhi l’egemonia leghista. Il Pd dopo sessant’anni si ritroverà probabilmente per la prima volta a portare voti a un candidato non proveniente dalle sue file. E il paragone con la candidatura del professor Bruno Bracalente non regge perché i quel caso l’indicazione venne dall’ex partitone rosso quella di Fora è nata altrove. Sul lato di centrosinistra c’è da vedere cosa produce il movimento anche questo a carattere civico che vede alla guida i sindaci di Gubbio e Assisi Filippo Stirati e Stefania Proietti ma con un ruolo di spicco del tuderte Floriano Pizzichini. Come altra incognita riguarda la discesa in campo o meno di un candidato rappresentante dell’area più di sinistra (Rifondazione ma non solo) e la reale voglia dell’attuale sindaco di Città di Castello e presidente della Provincia di Perugia Luciano Bacchetta di giocare una partita in proprio. Il quadro è questo. Grandi corse sotto l’ombrellone. Per non parlare poi della composizione delle lise dei candidati che sia nel centrodstra che nel centrosinistra si preannunciano come  una vera tonnara.

The following two tabs change content below.