Due campioni di pallavolo operati con successo a Perugia

Marko Podrascanin e Marko Matic si sono sottoposti a interventi chirurgici guidati dall'equipe della struttura complessa di Ortopedia del Santa Maria della Misericordia di Perugia

0
103
Ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia

PERUGIA – Sono perfettamente riusciti gli interventi chirurgici cui sono stati sottoposti ieri due atleti della pallavolo internazionale, Marko Podrascanin e Marko Matic, dall’equipe della struttura complessa di Ortopedia del Santa Maria della Misericordia di Perugia. Per l’atleta della Sir volley Podrascanin si è trattato di intervento di “tenolisi achillea”, causato da una tendinopatia. Già dopo la visita di controllo i sanitari hanno proceduto alle dimissioni del pallavolista di origini serbe. “Abbiamo stilato un programma di riabilitazione – fa sapere in una nota dell’ospedale il direttore della Ortopedia prof. Auro Caraffa – con ripresa graduale della preparazione. L’atleta verrà costantemente seguito dallo staff medico e si deve considerare che saranno necessari tre mesi per un recupero definitivo”. Nella stessa giornata di ieri Marko Matic, attualmente in forza al club turco di Izmir, ha subito un intervento chirurgico per la ricostruzione del legamento crociato anteriore. “La tecnica che abbiamo utilizzato – ha sottolineato il dott. Ermanno Trinchese, consulente medico della Sir volley assieme al prof. Caraffa – è quella in uso nella nostra struttura da molti anni, con risultati eccellenti. Ci inorgoglisce che atleti di tutto il mondo si affidano alle professionalità dell’ospedale di Perugia, avendo tante altre opzioni”. Matic, che proprio oggi compie 24 anni, è accompagnato dal fratello Elia e ha manifestato pieno apprezzamento per l’assistenza ricevuta. “Ero venuto a Perugia solo una volta, per motivi sportivi – ha raccontato – quando abbiamo giocato contro la Sir. Quando tre settimane fa mi sono infortunato durante una partita internazionale, ho iniziato a chiedere qualche informazione sui centri più importanti in Italia, e quasi subito a togliermi ogni dubbio sulla scelta da fare è stato Atanasijevic, un amico di vecchia data. Ora posso dire di non essermi sbagliato e seppure la ripresa sarà dura, sono sicuro che anche la fase di riabilitazione scorrerà via senza intoppi”. Matic resterà ricoverato per un breve periodo, con impegno a visite di controllo ad un mese dalle dimissioni che potrebbe avvenire già dopodomani. L’equipe medica che ha eseguito i due interventi oltre che dal prof. Caraffa e dal dott. Trinchese, era composta dai dottori Marco Pellegrino, Rosario Petruccelli e Chiara Fiandra (anestesista).

The following two tabs change content below.