Coronavirus, al via le domande all’Inps per i bonus alle famiglie

La richiesta del Forum delle Associazioni Familiari: "Maggiori risorse direttamente nelle tasche delle famiglie"

0
219
Inps aiuti famiglie

PERUGIA – Oltre alla richiesta della cassa integrazione in deroga, sempre dal 1 aprile è possibile fare richiesta sul sito dell’Inps per gli aiuti alle famiglie previsti dal decreto “Cura Italia”. Per i genitori lavoratori, sono previsti un congedo straordinario di 15 giorni un bonus per l’acquisto di servizi di baby-sitting e l’incremento dei giorni di permesso previsti dalla Legge 104. Tra le altre misure un’indennità una tantum a sostegno di una serie di lavoratori, sia dipendenti che autonomi che stanno risentendo particolarmente dell’emergenza epidemiologica dovuta al Covid-19.

Misure per le famiglie I genitori di bambini fino a 12 anni o con disabilità, hanno la possibilità di usufruire di un congedo parentale straordinario di 15 giorni, da utilizzare in un periodo continuativo o frazionato. Il congedo può essere richiesto alternativamente da entrambi i genitori per un totale complessivo di 15 giorni. Durante il periodo la retribuzione è pari al 50%. Possono usufruire di questo congedo, i lavoratori dipendenti del settore privato, quelli iscritti in via esclusiva alla Gestione separata, i lavoratori autonomi iscritti all’INPS e i lavoratori dipendenti del settore pubblico. I lavoratori del settore privato, con figli tra i 12 e i 16 anni, hanno diritto di astenersi dal lavoro per il periodo di sospensione dei servizi scolastici senza però percepire alcuna indennità. In alternativa al congedo straordinario è previsto il bonus per servizi di baby-sitting nel limite di 600 euro. Il bonus viene erogato con il libretto famiglia e può arrivare fino a 1.000 euro per il personale del servizio sanitario nazionale e le Forze dell’ordine impegnate nell’emergenza sanitaria. Per i lavoratori che usufruiscono della legge 104, per i mesi di marzo e aprile 2020, è stato portato a 15 giorni il permesso mensile retribuito. Tra le altre misure è previsto, per il solo mese di marzo, una indennità una tantum a sostegno di lavoratori a partita IVA, collaboratori coordinati e continuativi, artigiani, commercianti, coltivatori diretti, coloni e mezzadri, lavoratori stagionali del settore turismo e degli stabilimenti termali, OTD agricoli, lavoratori dello spettacolo, iscritti al Fondo pensioni dello spettacolo.

Forum Associazioni Familiari Misure a sostegno delle famiglie che però, secondo le associazioni familiari, non sembrano essere sufficienti o adatte. In particolare, nel mirino delle famiglie, c’è il bonus per i servizi di baby-sitting che non sembra convincere troppo i genitori che dovrebbero far entrare in casa delle persone sconosciute. Ma anche il congedo di soli 15 giorni con una retribuzione al 50%. Da sempre impegnato nel trovare misure strutturali per le famiglie, il Forum delle Associazioni Familiari, attraverso il suo presidente Gigi De Palo, torna a chiedere “maggiori risorse direttamente nelle tasche delle famiglie” soprattutto in questo momento di crisi. Le parole del presidente Gigi De Palo al microfono di Umbria Radio

 L’approfondimento sul settimanale La Voce