Coronavirus, corsa a mascherine e gel. I consigli di Federfarma Umbria (AUDIO)

Presidente Federfarma Umbria, Luciani: "Non c'è al momento nessuna problematica che debba creare panico. Mascherine utili solo per chi sta male. Evitare incetta di gel". Ascolta l'intervista

0
162
L'interno di una farmacia pubblica

PERUGIA – Farmacie prese d’assalto: finiscono le mascherine e i gel igienizzanti, ma nessuna emergenza. A rassicurare i cittadini umbri è il presidente di Federfarma Umbria, Augusto Luciani che, ai microfoni di Umbria Radio, ha rassicurato sui tempi di approvvigionamento dei presidi medici.

Mascherine e gel Nelle farmacie al momento non si trovano, “ma le mascherine – sottolinea il presidente Luciani -, dovrebbero rientrare la prossima settimana, mentre per quel che riguarda i gel, per ora ce n’è una quantità sufficiente”. Molte farmacie, dotate di laboratori, hanno cominciato a prepararli al proprio interno, per cercare di soddisfare l’aumento della domanda. “L’emergenza, invece – specifica il presidente di Federfarma Umbria  è relativa all’alcool e ai recipienti”. Rispetto ai gel, ritenuti più importanti delle mascherine, il monito è di “non fare incetta, ma permettere a tutte le famiglie di poter accedere al presidio medico”. “Nel prossimo periodo, specifica Luciani, cercheremo di dotare le strutture di quei gel igienizzanti come avviene nei reparti ospedalieri, ma ci vorrà un po’ di tempo”.

Consigli per gli acquisti Le mascherine, sold out, ha ricordato Luciani, servono solo alle persone che hanno una patologia influenzale in corso, in modo da evitare di trasmettere il virus con le goccioline di saliva. “Chi è sano – sottolinea il presidente – non ha bisogno di mascherine”. La caccia al presidio medico in Umbria si è scatenata nel week end quando si è verificato il caso sospetto della turista di Assisi, poi risultata negativa ai due tamponi, ma per il momento non si registrano casi di contagi. Per quanto riguarda i gel igienizzanti, specifica Luciani, “non c’è bisogno di fare incetta. Niente accaparramento, ne basta una goccia per disinfettare e ovviamente, quando si sta in casa, basta acqua e sapone per lavare le mani. Non c’è al momento nessuna problematica che debba creare panico”.

Il podcast L’intervista integrale al presidente di Federfarma Umbria, Augusto Luciani.