Cementir, la Regione: “Adesso subito un tavolo al ministero”

L'assessore regionale Paparelli: "Siamo molto preoccupati"

0
151
La Cementir di Spoleto
PERUGIA – “La nostra preoccupazione, che poi è la stessa dei lavoratori coinvolti e delle imprese dell’indotto, è quella del mantenimento dei livelli occupazionali per il sito Cementir di Spoleto e, per questo, fin da lunedì prossimo, chiederemo l’immediata attivazione del Tavolo ministeriale per il mantenimento degli impegni assunti, in quella sede, da Italcementi, connessi alla acquisizione avvenuta nel 2017. Necessaria al contempo la riapertura, anch’essa immediata, del Forno spento ormai dallo scorso marzo, al fine di non precludere la continuità del processo produttivo”. Lo ha detto il vicepresidente della Regione Umbria, con delega allo sviluppo economico, Fabio Paparelli.  L’assessore riassume così la posizione della Regione nella crisi che investe l’azienda ed i lavoratori Cementir di Spoleto, al termine dell’incontro con le organizzazioni sindacali ed i lavoratori all’interno dello stabilimento. “È inutile nascondere – prosegue il vicepresidente – che siamo estremamente preoccupati”.