Cattolici: mons. Sorrentino: “Oggi rischiamo l’irrilevanza”

Il vescovo di Assisi-Nocera Umbra-Gualdo Tadino, postulatore della causa di beatificazione, presenta convegno su Giuseppe Toniolo

0
125

ROMA – “Oggi in politica noi cattolici rischiamo l’irrilevanza”. A lanciare il grido d’allarme è stato mons. Domenico Sorrentino, vescovo di Assisi, postulatore della causa di beatificazione e biografo di Giuseppe Toniolo, durante la presentazione del convegno su Economia e società per il bene comune. La lezione di Giuseppe Toniolo, in programma sabato prossimo, 24 novembre, all’Università Cattolica di Milano. L’incontro – presentato oggi a Roma nella sede dell’ Azione Cattolica – sarà aperto dal rettore dell’ Ateneo, Franco Anelli, da mons. Mario Delpini, arcivescovo di Milano e presidente dell’ Istituto Toniolo, e dal card. Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente della Cei.

“Toniolo è stato un uomo di sintesi, nel pensiero ma anche nella vita, perché ha saputo mettere insieme la dimensione di essere umano, credente e santo”, ha esordito il vescovo di Assisi tracciandone un ritratto: “È uno di quei personaggi che hanno saputo andare oltre la loro epoca, perché hanno saputo intuire il futuro. A leggerlo in profondità, lo si ritrova personaggio del nostro tempo, che ha saputo leggere la storia del suo tempo dentro un triangolo della crisi – crisi di pensiero, di verità e di valori – che sperimentiamo ancora oggi, nell’epoca del pensiero debole, della post-modernità, della realtà liquida, che lui aveva già messo a fuoco in tempi non sospetti, ponendosi il problema di come reagire con la forza del messaggio cristiano, che esce dalle sagrestie e diventa incontro tra fede e cultura, fede e scienza”.

Intuizioni Tra le intuizioni di Toniolo Sorrentino ha evidenziato di aver colto, già da allora, il tratto di “una società sempre più atomizzata, caratterizzata dalla labilità e dalla fragilità a tutti i livelli, a partire dalla famiglia e dai corpi intermedi, che nel passato erano stati una grande forza”. Toniolo, inoltre, come “profeta e stratega” anche nell’ aver individuato la necessità del “solidarismo cristiano” in un tempo di “grande crisi di solidarietà, incapace di gestire ponti verso l’ altro” e foriero di “diffidenza, oppressione, esclusione”, tutti temi “importanti ancora oggi, in una società che si sta mescolando”. Toniolo, infine, come fautore di “una politica ispirata, o buona politica”, la cui lezione rimane sempre attuale: “In un momento in cui noi cattolici facciamo tanta fatica, rischiamo l’ irrilevanza in politica – ha concluso il vescovo – Toniolo ci dà un’indicazione di rotta da dove ripartire, per una presenza tesa non ad affermare la propria identità, ma a porsi al servizio del bene comune”.

The following two tabs change content below.

Francesco Locatelli