Briccialdi, i docenti sospendono l’occupazione: ora un tavolo con sindaco e assessore

I docenti dell'istituto "danno atto a tutte le istituzioni di aver riconosciuto l'importanza dell'occupazione, attribuendo la necessaria attenzione alle preoccupazioni espresse"

0
129
Briccialdi

TERNI – È stata sospesa l’occupazione da parte dei docenti all’istituto superiore di studi musicali Briccialdi di Terni: lo comunicano in una nota le rsu, che mantengono però lo stato di agitazione. La decisione di interrompere la mobilitazione, iniziata lunedì scorso, è arrivata dopo la disponibilità all’apertura di un’interlocuzione con le rsu espressa da parte del sindaco Leonardo Latini e dal vicesindaco Andrea Giuli, nel corso di un incontro. “Un segnale molto importante di collaborazione – si legge nella nota – che si aggiunge ai colloqui avvenuti negli ultimi giorni con il vicepresidente della Regione Umbria e la presidente dell’istituto”. I docenti dell’istituto, prosegue il comunicato, “danno atto a tutte le istituzioni coinvolte di aver riconosciuto l’importanza dell’occupazione messa in atto dai dipendenti del Briccialdi e votata all’unanimità dall’assemblea dei lavoratori, attribuendo la necessaria attenzione alle preoccupazioni espresse dal corpo docente”. “E impegnandosi in un confronto – viene sottolineato – che coinvolga tutte le istituzioni interessate al Briccialdi, anche in base a quanto formalmente richiesto dalle organizzazioni sindacali nazionali Flc Cgil e Uil Scuola Rua”. Dal 13 maggio i docenti dell’ex conservatorio Briccialdi di Terni hanno occupato, giorno e notte, l’istituto superiore di studi musicali. Durante l’occupazione lezioni, esami, tesi, masterclass sono stati garantiti comunque ai circa 300 studenti. “L’avvio della procedura di statalizzazione dell’istituto da parte del Miur è imminente – avevano spiegato Fabio Ciofini e Marco Lena, delle rsu, in merito alle ragioni della protesta – il tempo è poco e serve un’accelerazione da parte delle istituzioni coinvolte. Ci sono dei lati mai chiariti, soprattutto per quanto riguarda la posizione debitoria, vorremmo conoscere la reale situazione ed essere coinvolti nelle scelte”.

The following two tabs change content below.