PERUGIA – Esplode in un boato assordante il PalaBarton! È l’urlo della vittoria per la Sir Safety Conad Perugia che vince in rimonta il big match della terza di Superlega contro l’Itas Trentino 3-1 e conferma il primato in classifica a punteggio pieno in coabitazione con Civitanova.

Esultano i quattromila saliti a Pian di Massiano per una Sir in costante crescita e capace di risorgere da un primo set difficile e targato Itas che gioca in modo stellare a muro, al servizio ed in attacco. Ma Perugia dimostra un altro piglio rispetto a venti giorni fa, esce la determinazione e la qualità della squadra, la voglia di vincere e la rabbia agonistica, unite alla consapevolezza dei propri mezzi ed alla qualità tecnica degli interpreti. Il secondo set è tutto a tinte bianconere, poi si gioca punto a punto, con scambi lunghi e spettacolari. Ed in quei frangenti la Sir dimostra di avere la testa giusta. L’errore non pesa, c’è fiducia nel compagno e nella squadra ed i frombolieri di Lorenzo Bernardi fanno il resto.

Leon è una furia (26 i punti a referto del cubano con 4 ace, il più veloce a 131 Km/h, ed il 66% in attacco), Atanasijevic, partito in sordina, idem (19 punti con il 54% sotto rete e 4 ace pure per lui). E poi c’è De Cecco con le sue geometrie strappa-applausi, c’è Colaci che decide che la seconda linea è affar suo, c’è Lanza (10 punti con 3 muri) che migliora giorno dopo giorno con il lavoro settimanale. E poi c’è una coppia centrale solida, con Podrascanin e Ricci che chiudono tutto quello che passa dalle loro parti, e in panchina c’è Lorenzo Bernardi che tatticamente non ne sbaglia una. Ma soprattutto c’è Perugia, una squadra che non molla, che sa convivere con quelli che sono ancora i suoi difetti e che sa esaltare quelli che sono i suoi tanti pregi.

Altri tre punti finiscono in cassa. Sono tre punti d’oro, come gli altri e più degli altri perché si sa che gli scontri diretti hanno sempre un peso specifico notevole. Giovedì altri brividi in arrivo. Si va a Civitanova, altra squadra che comanda la graduatoria per un altro big match. Si va sapendo che sarà dura, ma con ulteriori consapevolezze e sicurezze.

The following two tabs change content below.

Francesco Locatelli