Basilica di Assisi “iper-connessa”

Il nuovo collegamento in fibra ottica permette una velocità di connessione a Internet verso tutto il mondo con tempi di latenza bassissimi: Assisi-Cina in circa 200 millisecondi

0
130
La Basilica di San Francesco

ASSISI – Prosegue la sfida del digitale, avviata dal 2016, della Basilica di San Francesco per “un sussulto di umanità grazie alla tecnologia”. Collegamenti più rapidi tra Assisi e il resto del mondo, senza perdere le “radici” e per costruire “relazioni” nel segno di Francesco. Con queste finalità, la nuova connessione in fibra ottica a disposizione del Sacro convento è stata presentata stamani nel corso di un incontro nella Sala stampa. Per l’occasione è stato illustrato il progetto che vede coinvolta l’azienda folignate Connesi nella realizzazione di un collegamento dedicato di ultima generazione per la Basilica (dalla velocità di 1.000 megabit al secondo, ed elevabile fino a 10.000) direttamente interconnesso alle dorsali regionali, nazionali e internazionali. Collegamento in fibra ottica che permette una velocità di connessione ad Internet verso tutto il mondo con tempi di latenza bassissimi (Assisi-Cina: circa 200 millisecondi). “Connettersi all’altro significa entrare in relazione con
esso e passare da una rete di fili ad una rete di persone” ha affermato il direttore della Sala Stampa del Sacro convento, padre Enzo Fortunato. Le nuove tecnologie quindi, secondo padre Fortunato, “devono servire per trovare quelle energie utili a costruire i ponti e non ad alzare i muri e creare barriere, come accade nel mondo e sempre più anche nel nostro Paese”. Grazie alle sue altissime prestazioni, questo collegamento – è stato poi sottolineato – ha consentito ai frati del Sacro convento di essere interconnessi con il mondo e di essere all’ avanguardia nel settore delle comunicazioni elettroniche, sempre più rilevanti nel panorama attuale. Connesi si è così proposta, ha spiegato l’amministratore delegato dell’azienda di Foligno, l’ingegnere Massimo Bartolini, come un operatore “in grado di garantire l’ accesso alla rete mondiale e supportare tecnicamente il Sacro convento verso il raggiungimento delle sue finalità di comunicazione e testimonianza nel mondo”.