Arte, è morto a Perugia il pittore Carmelo Consoli

L'artista 79enne era ricoverato da tempo al Santa Maria della Misericordia

0
452
Carmelo Consoli

PERUGIA – Il mondo della pittura piange Carmelo Consoli – paesaggista post-impressionista -, morto ieri a Perugia dove viveva dagli anni 70. L’artista 79enne era ricoverato da tempo all’ospedale Santa Maria della Misericordia. I funerali saranno celebrati oggi alle 16 nella chiesa di Pila a Perugia.

Il profilo Nato a Roma, Consoli iniziò la sua attività da giovanissimo negli anni ’50 esponendo alla fiera di Via Margutta. Nel 1966 rappresentò i pittori romani a Parigi, dove soggiornò a lungo. Dal 1967 inizia a soggiornare in varie località dell’Italia meridionale (Calabria, Puglia, Sicilia e Sardegna) dove, soggiogato ed affascinato dai colori e dalla bellezza dei luoghi, dipinge con foga, mantenendo fede all’intima esigenza del contatto diretto con la natura. Numerose mostre e rassegne sanciscono la sua definitiva affermazione. Nel 1971 rientra a Roma, dove prosegue la sua attività con sempre crescente successo, fino al 1976, quando si stabilisce definitivamente in Umbria, alle porte di Perugia, tra le dolci colline che circondano Pila. Si innamorò dei colori della nostra regione dove si trasferì e continuò a lavorare incessantemente, vincendo innumerevoli premi e avendo oltre duecento mostre personali. Di Consoli Vittorio Sgarbi ha detto: “La sua istintualità e la sua energia controllata rendono ogni tacca di colore una riflessione poetica, che prima teorizza la situazione formale e che in seguito diventerà raffigurazione”.