‘Almost, Maine’ in scena al Teatro Morlacchi di Perugia

Il vero e proprio classico della drammaturgia contemporanea americana, dal 13 al 16 maggio alle ore 21, per il cartellone della rassegna 'Smanie di Primavera' organizzata da Officine TSU

0
364
La locandina di 'Amost, Maine'

PERUGIA- Almost, Maine, è il titolo dello spettacolo tratto dal bestseller di John Cariani, che arriva da lunedì 13 a giovedì 16 maggio, alle ore 21, al Teatro Morlacchi. E’ questo, il prossimo appuntamento del cartellone di Smanie di Primavera, la rassegna dedicata alla ricerca, alla drammaturgia contemporanea e ai nuovi linguaggi della scena in programma fino al prossimo 31 maggio, tra teatro, danza, cinema e arte in palcoscenico, organizzata da Officine TSU. Una messa in scena che vede interpreti gli attori Jacopo Costantini, Ludovico Röhl, Giulia Trippetta, Silvia Zora, della Compagnia Indipendente dei Giovani Umbri, per la regia di Samuele Chiovoloni.

Almost, Maine, spettacolo tratto da un vero e proprio classico del teatro contemporaneo americano, vincitore de la Borsa teatrale Anna Pancirolli 2018 (nella traduzione curata da Jacopo Costantini), è la narrazione per estratti di una cittadina non ben delimitata nello sconfinato e settentrionalissimo stato del Maine, in un freddo venerdì sera, e delle storie intersecate dei suoi abitanti. Fra incontri improvvisi, amori laceranti, rimorsi, incomunicabilità e situazioni paradossali gli abitanti di Almost Maine fanno esperienza della sconfinata gamma di sentimenti che attiene alla grammatica dell’amore. Un gigantesco dono da restituire, un’aurora boreale da aspettare in un campo di patate, una rubrica delle cose che possono fare male da compilare insieme a una sconosciuta negli spazi angusti di una stireria, un pattino piovuto dal cielo per avvicinare una coppia ormai divisa dagli eventi. Spaccati di vita ritratti in un’istantanea imprecisa, quasi casuale, in bilico fra ordinario e straordinario.

Il progetto vuole rivolgersi a tutte le età e tutte le tipologie di spettatori, formalizzandosi come un’opera di finzione schietta e divertente, un ritratto poliedrico delle compulsioni amorose che interessano il nostro tempo. Una produzione Compagnia Indipendente dei Giovani Umbri reallizzata con il sostegno del Festival Verdecoprente residenze artistiche, Progetto Goldstein e Corsia OfCentro di Creazione Contemporanea.

The following two tabs change content below.