Aeroporto, è scontro tra politica e management. Leonelli (PD): “Via il Cda”

L’Assemblea legislativa ha approvato la mozione che chiede alla Giunta di “promuovere un superamento dell’attuale Cda al fine di avviare una nuova fase per l’aeroporto”. L'obiettivo è quello di stimolare un aumento di investimenti da parte dei comuni

0
113
Una veduta dall'alto dell'aeroporto di Sant'Egidio

PERUGIA – Rischia di saltare il management dell’aeroporto internazionale dell’Umbria. L’Assemblea legislativa infatti ha approvato a maggioranza (12 favorevoli ed 1 astenuto) la mozione del consigliere Giacomo Leonelli (PD) che chiede alla Giunta di “promuovere un superamento dell’attuale Cda della Sase, la società che gestisce lo scalo, al fine di avviare una nuova fase per l’aeroporto”. L’obiettivo è quello di “stimolare un aumento di investimenti da parte dei comuni, per accrescere la competitività della struttura”.

Gli errori di Sase All’attuale gestione vengono infatti imputate le controverse vicende degli ultimi anni: quelle di Fly Volare nel 2017, che pur avendo ricevuto da parte di Sase una caparra di 500mila euro per l’avvio di nove voli nazionali ed internazionali, non ha mai potuto operare data la mancanza di regolari certificati di licenza di trasporto aereo; quelle di Fly Marche che nell’agosto 2017 ha cancellato i voli programmati verso Olbia, Elba, Rimini, Ancona e Zara; quelle di Cobrex Trans, compagnia rumena che aveva annunciato l’avvio di rotte da Perugia per Barcellona, Bucarest e Madrid; infine quelle di Aliblue-Malta, una compagnia “virtuale” che ha lavorato per la riattivazione di alcune rotte per poi arrivare allo stop motivato da scarse prenotazioni.

Confronto e sviluppo Alla Giunta regionale si chiede inoltre di “farsi promotrice di un tavolo straordinario di confronto istituzionale tra tutti gli enti locali e il mondo imprenditoriale regionale al fine di realizzare una strategia di sviluppo pluriennale tesa a consentire allo scalo una programmazione economico-finanziaria che ne consenta lo sviluppo”. L’atto è stato integrato, dopo il dibattito, con un richiamo “ad una partnership per l’implementazione delle rotte e alla connessione con la linea ferroviaria Foligno-Terontola”.

The following two tabs change content below.