Vertenza Perugina, il summit di Losanna non sblocca la situazione

Non ci sono quindi sostanziali passi avanti sui 360 esuberi annunciati a fine estate, come nulla è statp annunciato sul riassetto europeo della multinazionale

0
67
Lo riferisce in una nota Michele Greco, segretario Flai-Cgil dell'Umbria. Non ci sono quindi sostanziali passi avanti sui 360 esuberi annunciati a fine estate, come nulla è statp annunciato sul riassetto europeo della multinazionale
Una manifestazione degli operai Perugina

PERUGIA – “Nulla di nuovo” è emerso sul futuro della Perugina dalla riunione, a Losanna, del Coordinamento aziendale europeo della Nestlè. Lo riferisce in una nota Michele Greco, segretario Flai-Cgil dell’Umbria. Non ci sono quindi sostanziali passi avanti sui 360 esuberi annunciati a fine estate, come nulla è statp annunciato sul riassetto europeo della multinazionale. “Di certo le difficoltà del settore cioccolato, confermate anche dalla penultima trimestrale del 2017, ci fanno pensare ad un ritardo voluto, dato da un mercato difficile e altamente competitivo” ha detto Greco. “Abbiamo tempo fino a giugno – commenta il segretario Flai dell’Umbria – sembra tanto, ma non lo è”. Secondo Greco, per Perugina “solo attraverso un rafforzamento del sito e del valore dei nostri marchi, così come stabilito nell’accordo del 2016, forse avremo una chance in più”.