Il Trio Metamorphosi inaugura la Stagione musicale di Solomeo

E' questo il primo di nove appuntamenti, in programma dal 10 novembre fino alla metà del prossimo aprile, da quest'anno realizzati in collaborazione con la Fondazione Perugia Musica Classica

0
107
Il Trio Metamorphosi, protagonista dell'inaugurazione della Stagione musicale di Solomeo

SOLOMEO (PG)- Con un concerto eseguito dal Trio Metamorphosi (Mauro Loguercio al violino, Francesco Pepicelli al violoncello, Angelo Pepicelli al pianoforte), interamente dedicato a Robert Schumann, s’inaugura questo venerdì 10 novembre, alle ore 21, la Stagione musicale 2017-2018 di Solomeo.

E’ questo, il primo di nove appuntamenti in programma fino al prossimo 15 aprile  al Teatro Cucinelli e nella splendida cornice della Chiesa di San Bartolomeo, organizzati dalla Fondazione Brunello e Federica Cucinelli, sotto la direzione artistica del Maestro Fabio Ciofini. Giunta alla sua ottava edizione, da quest’anno la Stagione si realizzerà in collaborazione con la Fondazione Perugia Musica Classica, attraverso un calendario integrato e di elevata qualità. Sinergia importante, che si concretizzerà in un evento condiviso in programma giovedì 16 novembre al Teatro Morlacchi di Perugia, che vedrà salire sul palco la Deutsche Kammerphilharmonie di Brema diretta da Vladimir Jurowski con ospite la pianista Marta Argerich in qualità di solista.

Per tornare al concerto inaugurale, intitolato Tre, come l’essenza di ciò che vive – Aurora e Compimento dell’idea di Klaviertrio, interamente dedicato al musicista tedesco del periodo tardoromantico,  il Trio Metamorphosi eseguirà in apertura i Phantasiestücke op. 88; nati nell’aura della suggestione per il Trio op. 49 di Felix Mendelssohn, furono composti nel dicembre del 1842, come raccolta di forme brevi e contrastanti. La seconda parte della serata, sarà dedicata, invece, al Trio n. 3 in sol minore  op. 110; ideato alla fine del 1851 a Düsseldorf, rilegge la forma classica tradizionale alla luce della più ampia autonomia dei tre strumenti e nella massima coesione tematica.

Le esecuzioni delle due pagine, saranno entrambe introdotte dalla lettura di un testo scritto  dal musicologo e germanista Quirino Principe.

Un’apertura di Stagione, affidata ad una formazione che deve il proprio nome (Trio Metamorphosi), al processo continuo di cambiamento, così necessario in ambito artistico. E intende sottolineare la progressiva crescita di un complesso cameristico mai schiavo dell’abitudine, anzi, sempre pronto a mettersi in gioco con la volontà di creare prospettive di unicità in ogni performance.

I tre musicisti del Trio Metamorphosi, vantano anche altre precedenti esperienze cameristiche in duo (violoncello e pianoforte), in quartetto d’archi. Si sono esibiti in numerose fra le sale più prestigiose del mondo, dalla Philharmonie di Berlino al Teatro alla Scala di Milano, dalla Salle Gaveau di Parigi alla Suntory Hall di Tokyo, dalla Carnegie Hall di New York al Coliseum di Buenos Aires. A livello discografico, il Trio Metamorphosi fa parte del catalogo DECCA. per la quale ha registrato l’integrale dei Trii di Schumann; a breve, è prevista la pubblicazione dedicata ad Arie e Lieder scozzesi di Haydn e Beethoven, incise assieme al mezzosoprano Monica Bacelli.

 

 

The following two tabs change content below.