Terni, Natale in duomo: porte aperte ai meno fortunati

Agenda di padre Piemontese fitta di appuntamenti: messe in Ast, Asm, Cosp e Italeaf. Lunedì visita ai detenuti di Sabbione

0
75
Con Piemontese siederanno a tavola ben 150 invitati: si tratta di assistiti dalle associazioni caritative della Diocesi, in gran parte coloro che frequentano ogni giorno la mensa 'San Valentino' ma anche intere famiglie che hanno deciso di trascorre la festa non a casa propria ma insieme ai più bisognosi della città.
Piemontese al pranzo di Natale del 2016
TERNI – Si avvicina il Natale e perché faccia partecipi tutti, il vescovo della diocesi di Terni-Narni-Amelia padre Giuseppe Piemontese porta messaggi di speranza un po’ ovunque: dal carcere ai luoghi di lavoro, sino ad aprire le porte dell’episcopio il 25 dicembre, in modo particolare le persone sole malate e bisognose.

 

Luce “La luce vera del Natale è Cristo, che rinasce per ogni uomo – ricorda il vescovo Giuseppe Piemontese-, donando gioia e pace per tutti, per i bambini e gli anziani, per i giovani e le famiglie, per i poveri e gli emarginati. Il Natale è un segno di amore e invocazione di speranza per quanti sono provati dalla malattia e dalla sofferenza, dalla crisi economica, per la città  alla ricerca del proprio riscatto economico, civile, politico e sociale, nel dialogo e nel lavoro, nella sicurezza e nel benessere. Una speranza per la chiesa diocesana per una rinnovata responsabile consapevolezza nella fedeltà a Gesù e nel dialogo con la Città, in questo tempo di visita pastorale, tempo di incontri, confronto riscoperta a adesione a Gesù Cristo”.

Gli ultimi Per stare vicini agli ‘ultimi’, a chi vive ogni giorno dell’anno condizioni di difficoltà, non solo economica ma anche di emarginazione sociale anche quest’anno la Diocesi apre le porte e accoglie i meno fortunati nel giorno di Natale, per vivere insieme il momento del pranzo. “È un segno di vicinanza ai più poveri il tradizionale appuntamento natalizio del pranzo in Episcopio il 25 dicembre”, dicono dalla Diocesi. Con Piemontese siederanno a tavola ben 150 invitati: si tratta di assistiti dalle associazioni caritative della Diocesi, in gran parte coloro che frequentano ogni giorno la mensa ‘San Valentino’ ma anche intere famiglie che hanno deciso di trascorre la festa non a casa propria ma insieme ai più bisognosi della città.

La diocesi I volontari si occuperanno della buona riuscita della giornata, dall’allestimento all’accoglienza, dalla preparazione del cibo al servizio ai tavoli, il tutto grazie anche alla collaborazione di gruppi e movimenti della diocesi, che si sono suddivisi i vari compiti, per dare far vivere ad ogni ospite la gioia di un Natale insieme, e al contributo economico del Lions Club San Valentino di Terni. Anche i ragazzi dell’Istituto di Narni scalo hanno dato il loro contributo preparando gli addobbi per la tavola e i segnaposto. E’ un segno di condivisione fatto proprio da comunità parrocchiali, strutture diocesane di accoglienza e famiglie verso quanti vivono situazioni difficili.

Gli impegni L’agenda del vescovo in questo periodo è fitta di appuntamenti. Nel pomeriggio di domenica messa di preparazione al Natale per i lavoratori dell’Ast Acciai Speciali Terni e loro familiari che sarà celebrata all’interno del Tubificio di Terni, alla presenza della dirigenza Ast, del cappellano don Marcello Giorgi e delle autorità cittadine. Lunedì 18 dicembre dalle ore 10 alle 12 il vescovo farà visita ai detenuti della casa circondariale di Terni, per uno scambio augurale insieme alla direzione del carcere e agli operatori della polizia penitenziaria. Martedì 19 dicembre alle ore 9.30 incontro gli studenti dell’istituto omnicomprensivo Einaudi di Narni scalo, che come ogni anno hanno contributo al pranzo di Natale con gli addobbi e l’allestimento dei tavoli. Alle 11 celebrazione prenatalizia per i dipendenti dell’Asm, Azienda Servizi Municipalizzati, nella sede dell’azienda a Maratta Bassa. Martedì 20 dicembre alle ore 17.30 il vescovo farà visita alla mensa San Valentino della Caritas diocesana per uno scambio augurale con i volontari e ospiti. Mercoledì 21 dicembre alle ore 11.30 celebrazione prenatalizia alla Cosp Tecnoservice di Terni. Alle 17 il vescovo incontrerà i operatori e volontari della Caritas diocesana, dei Centri di ascolto e degli Empori solidali per lo scambio augurale. Giovedì 22 dicembre alle ore 10 celebrazione per gli studenti dell’Istituto Leonino presso la chiesa di Sant’Antonio. Alle ore 11.30 il vescovo presiederà la celebrazione in preparazione al Natale per i dipendenti dell’ Italeaf di Nera Montoro alla presenza dei lavoratori e dirigenza dell’azienda.