Perugia torna a scoprirsi, con ‘Luoghi invisibili’ 2017

Per due fine settimana, 29-30 settembre e 1 ottobre e 6-7-8 ottobre, il capoluogo umbro presenta anche quest'anno i suoi luoghi più nascosti e segreti, normalmente chiusi al pubblico

0
792
Cristina Galassi, monsignor Paolo Giulietti, Teresa Severini e Stefano Ferrari, nel corso della presentazione

PERUGIA–  Palazzi, torri e soffitte, luoghi di culto e siti di archeologia industriale saranno gli spazi aperti eccezionalmente in occasione dell’edizione 2017 di Luoghi Invisibili-La Perugia che si scopre. Per due fine settimana, 29-30 settembre e 1 ottobre e 6-7-8 ottobre, Perugia torna a svelare i suoi luoghi più nascosti, normalmente chiusi al pubblico, per portare alla scoperta di segreti, capolavori d’arte e pezzi di storia di cui anche gli stessi residenti spesso ignorano l’esistenza o l’importanza. Questo, con aperture straordinarie e visite guidate cui si aggiungeranno anche passeggiate, percorsi di trekking urbano e tour in ecobike, mostre e spettacoli teatrali itineranti.

Luoghi Invisibili, è un progetto organizzato dall’omonima associazione con il patrocinio e la sinergia attiva di Regione Umbria, Comune di Perugia, Università degli Studi di Perugia, Università per Stranieri di Perugia, Sodalizio Braccio Fortebraccio, Fondazione per l’Istruzione Agraria, e la collaborazione del Museo del Capitolo della Cattedrale di San Lorenzo, delle associazioni dei Borghi della città.

L’evento, è stato presentato stamani a Perugia, presso la Chiesa del Collandone o della Madonna del Riscatto, alla presenza di monsignor Paolo Giulietti, vescovo ausiliare dell’Arcidiocesi di Perugia -Città della Pieve e presidente dell’Associazione Luoghi Invisibili; Teresa Severini, assessore alla Cultura Turismo e Università del Comune di Perugia; Cristina Galassi, direttore del CAMS dell’Università degli Studi di Perugia, e Stefano Ferrari, vicepresidente dell’Associazione Luoghi Invisibili.

Un ricco cartellone quello di Luoghi Invisibili, come è stato ribadito nel corso dell’incontro, che propone numerose visite guidate esclusive. Dalle soffitte della Chiesa di San Domenico, spazi segreti nati quasi per caso da una ristrutturazione del Seicento che conservano le tracce della originaria chiesa gotica; al quartiere ebraico nel cuore della Perugia medievale, tra  via Ulisse Rocchi  e via Bartolo, dove ancora si trova l’abside dell’ex Sinagoga; il complesso monumentale di Santa Maria Nuova in via Pinturicchio, nato nel XIII secolo su un monastero benedettino, con una intensa storia dalla Guerra del Sale all’unità d’Italia; la tomba etrusca del Faggeto, un sepolcro scoperto casualmente agli inizi del Novecento in un bosco di faggi (da cui deriva il nome della località e della tomba) sulle pendici del Monte Tezio; un inedito itinerario nella Perugia a luci rosse insieme all’autore dell’omonimo libro, Sandro Allegrini, tra via Volte della Pace e via della Viola e dintorni; uno spettacolo itinerante in Via della Sposa in un viaggio poetico tratto da una storia vera, attraverso il coinvolgimento degli stessi abitanti di uno degli angoli più caratteristici della città; come anche all’Opificio di Ponte Felcino (dove la famiglia Bonucci trasferì la sede del lanificio, nato nel rione di Porta Sole), attivo dal 1858 al 1996, che solo la seconda guerra mondiale interruppe temporaneamente.

Oltre alle visite guidate, Luoghi Invisibili in questa edizione proporrà anche la presentazione del quadro originale raffigurate la fondatrice del Conservatorio, suor Lucia Tartaglini, presso l’Oratorio di San Francesco dei Nobili in Via dei Priori, previsto per domenica 1 ottobre alle ore 17.00, a cura dell’Associazione Via dei Priori; la visite alla mostra di strumenti antichi al Cassero di Porta Sant’Angelo, e alla mostra Sassoferrato dal Louvre a San Pietro: la collezione riunita, all’Abbazia di San Pietro presso la facoltà di Agraria, in programma fino al 5 novembre; la tradizionale passeggiata con gli amici a quattro zampe tra le vie e i vicoli del centro storico; il Trekking del pellegrino, un percorso tra i luoghi della devozione popolare da San Costanzo a Sant’Angelo; l’originale tour in bici elettrica tra le mura, a cura di Ecobike.

Per tutti gli itinerari e le visite guidate è obbligatoria la prenotazione al numero 380-6390601 con ingresso fino ad esaurimento posti. Per le mostre, è richiesto un biglietto di ingresso agevolato e per alcune visite un contributo simbolico (dai 3 ai 5 euro) che andrà a sostenere le iniziative di Luoghi Invisibili, e che sarà in parte utilizzato dall’Associazione per la riqualificazione di uno dei luoghi invisibili di Perugia, come già avvenuto in passato con l’intervento che ha interessato l’illuminazione della Porta Santa in piazza Danti.

 

 

 

The following two tabs change content below.