Perugia celebra il ‘Non Compleanno’ di Carmelo Bene

Con una serata curata da Piergiorgio Giacchè, la Fondazione 'Sergio Per La Musica' fa un omaggio all'attore italiano scomparso nel 2002, che quest'anno avrebbe compiuto ottant'anni

0
387
Carmelo Bene in uno dei suoi spettacoli

PERUGIA – S’ intitola Nessun Bene, l’omaggio voluto dalla Fondazione Sergio Per La Musica e dal Centro di produzione teatrale Fontemaggiore, con la collaborazione di Munus Arts & Culture, all’attore, drammaturgo e regista, scomparso nel 2002 Carmelo Bene. Giovedì 21 settembre alle ore 21.00, nella Chiesa di San Bevignate di Perugia amici e ammiratori del genio del teatro, si ritroveranno per celebrare un non compleanno attraverso una cir/conferenza curata da Piergiorgio Giacchè, docente di Antropologia del teatro e dello spettacolo presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi del capoluogo umbro, con il contributo di voci e suoni e parole di Michele Bandini, Jean-Paul Manganaro, Silvia Pasello, Maurizio Rippa, Ares Tavolazzi, Luisa Viglietti, Giulia Zeetti.

Un vero e proprio happening per ricordare Carmelo Bene, guidato dall’antropologo, scrittore e saggista, dove un pubblico di non invitati ad un non compleanno assisterà a testimonianze, anche audio e video, di persone che lo hanno amato. Da segnalare la testimonianza che il musicista Ares Tavolazzi e l’attrice e cantante Silvia Pasello porteranno per l’occasione: un loro studio, musicale e vocale, su testi di mistici medievali e barocchi a cui Carmelo Bene aveva lavorato ma che mai sono stati presentati in pubblico.

“Non esisto, dunque sono. Altrove. Qui”.

Così, scriveva Carmelo Bene. E questo è il motto, e il motivo di una serata a lui dedicata nel mese in cui (se fosse ancora in vita)  avrebbe compiuto ottant’anni. Non sarà quindi una messa in scena ma una messa in altrove. Perché ricordare la nascita di Carmelo Bene e non la sua morte? Perché così dovrebbe essere per tutti i geni. È sempre meglio, quando possibile, ricordare l’incontro e non la perdita. Le assenze sono significative perché sono venute e non andate. Una serata con l’immemoriale Carmelo Bene che non è esistito eppure c’è stato, con testimonianze immemoriali e frammenti di opere e peccati di omissione da parte di chi crede di averlo visto, ascoltato e amato. Un incontro in un luogo particolare come l’antica chiesa dei templari accanto al cimitero monumentale di Perugia, in modo che quelli che esistono si possano sentire per una volta vicini anche a quelli che sono. Una presenza-assenza come la sua, in un luogo del genere, potrà infatti funzionare da fantasma.

Perugia, dove la presenza di Carmelo Bene è stata sempre ricorrente, ha subito risposto bene con gli inviti alla serata, ad ingresso gratuito con posti limitati, subito andati esauriti. Gli organizzatori raccomandano infine, a tutti coloro che hanno riservato il posto, la massima puntualità.

 

 

 

 

 

 

 

 

The following two tabs change content below.