Perugia, contro bullismo e spaccio adesso c’è l’app ‘Youpol’

Il dispositivo realizzato dalla Polizia consente di inviare segnalazioni, anche anonime, di bullismo e spaccio di droga

0
120

PERUGIA  – Potrà essere da oggi scaricata e utilizzata anche nel capoluogo umbro ‘YouPol’, l’app realizzata dalla polizia di Stato e che consente di inviare segnalazioni, anche anonime, di bullismo e spaccio di droga.

Scopo L’ applicazione e’ stata presentata questa mattina in una conferenza stampa a Perugia dal questore Giuseppe Bisogno e dal vice dirigente della squadra mobile, Adriano Felici. Già operativa nelle città di Roma, Milano e Catania dal novembre del 2017 YouPol ha lo scopo di permettere a tutti, giovani e adulti, di interagire con la polizia consentendo l’ invio di segnalazioni, ma anche di foto e filmati, di episodi di bullismo o di spaccio di sostanze stupefacenti di cui uno viene a conoscenza.

Dispositivi L’ app è facilmente scaricabile su tutti gli smartphone e tablet accedendo alle piattaforme di Apple Store, per i sistemi operativi IOS, e Play Store, per i sistemi operativi Android. “Un nuovo metodo di comunicazione – ha detto il questore – in coerenza con quanto spesso da noi affermato in merito a una responsabilizzazione sempre maggiore dei cittadini. Uno strumento di sensibilizzazione, un appello al senso civico, affinché i cittadini possano essere sempre più sentinelle di legalità”.

Più sicura Il questore ha sottolineato l’ importanza di “fare ognuno la nostra parte” e di “non rassegnarci a ciò che si vede di non lecito”. “Ci auguriamo che questa iniziativa – ha concluso Bisogno – possa servire a rendere la nostra città sempre più sicura, vivibile e rispettosa delle regole”. Chi vorrà, quindi, potrà denunciare alla polizia, in forma anonima o registrandosi con i propri dati, fatti di cui si è testimoni, anche mediante foto o immagini acquisite sul proprio dispositivo.

Segnalazioni L’ applicazione, inoltre, garantisce la localizzazione esatta e immediata del dispositivo segnalante e del luogo interessato dall’ evento. Tra le opzioni possibili vi è anche quella che consente di effettuare una chiamata di emergenza alla sala operativa ubicata nella provincia dove l’ utilizzatore si trova. “YouPol – ha spiegato Adriano Felici – nasce come ulteriore strumento di dialogo tra cittadino e polizia. Uno strumento moderno, ch si rivolge in particolare modo ai giovani, per fornire loro un sistema snello, facilmente scaricabile. E proprio perché si stratta di uno strumento che si rivolge anche ai minorenni, verranno fatti anche degli incontri informativi nelle scuole per far comprendere a studenti e insegnati il funzionamento. Si tratta inoltre di uno strumento che può essere utilizzato da noi per avere spunti investigativi”.