Ex Novelli, solidarietà ai lavoratori dai vescovi di Spoleto e Terni

I presuli auspicano l' impegno di tutti per una "soluzione concreta"

0
104
In una nota firmata da Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil, le sigle parlano di
Una protesta dei lavoratori della ex Novelli

TERNI – “Viva solidarietà, sostenuta dalla preghiera di tutta la comunità ecclesiale” viene espressa dal vescovo di Spoleto, Renato Boccardo, e da quello di TerniGiuseppe Piemontese, nei confronti dei lavoratori dell’ ex Novelli, oggi di proprietà di Alimentitaliani, azienda per la quale il tribunale di Castrovillari (Cosenza) ha decretato l’ avvio della procedura di fallimento.

I presuli dei due territori umbri in cui hanno sede gli stabilimenti del gruppo spiegano, in una nota, di condividere “l’ ansia e la preoccupazione di tante famiglie che affrontano nuovamente un tempo difficile per la serenità e la sicurezza della vita quotidiana”.

Impegno Inoltre auspicano “che, con l’ impegno di tutte le parti interessate, si giunga ad una soluzione concreta ed efficace degli attuali problemi” e sollecitano “il coinvolgimento delle diverse realtà imprenditoriali del Paese affinché l’ azienda possa continuare ad essere garante di occupazione e sviluppo nella regione”. In base a quanto reso noto dai sindacati, Alimentitaliani ha ottenuto l’ autorizzazione a produrre almeno fino al 22 dicembre 2018. Già chiesto unitariamente dai Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil un incontro urgente al ministero dello Sviluppo Economico per valutare le prospettive dell’ azienda.